Shuttle Endeavour: lancio rinviato a lunedì

endeavour_lancio

È stato rinviato a lunedì 2 maggio il lancio dello shuttle Endeavour. Ad annunciarlo la Nasa che, pochi minuti prima del countdown, ha liquidato gli entusiasmi con un inequivocabile “Problemi tecnici”. Grossa delusione per quanti si erano recati a Cape Canaveral per assistere all’evento. Tra gli ‘ospiti’ attesi, anche Barack Obama che avrebbe accompagnato la moglie di Mark Kelly che, lo ricordiamo, è la deputata Michelle Giffords miracolosamente sopravvissuta all’attentato dell’8 gennaio per mano di un fanatico.

Roberto Vittori e il resto dell’equipaggio dovranno attendere almeno 72 ore per dare inizio a quella che decreterà la fine della carriera spaziale di Endeavour. I problemi tecnici di cui parla l’agenzia spaziale sono da attribuirsi agli alimentatori supplementari dello shuttle.

E occorrerà attendere ancora qualche altro giorno per battere quel record che, a oggi, è ancora ad appannaggio degli Stati Uniti e della Russia: l’Italia, infatti, sarà il primo paese ad avere ben due astronauti in orbita contemporaneamente. Intanto, Paolo Nespoli, sulla Iss dal 15 dicembre, rimane in attesa del suo connazionale, sperando che non si verifichino ulteriori ritardi.

La missione STS- 134 durerà meno del previsto, nonostante il rinvio. Dunque, ci sarà un gran bel da fare sulla stazione spaziale nei prossimi giorni visto che sarà minore il tempo a disposizione per portare a termine tutti i compiti previsti. Come sappiamo, sarà lo stesso Vittori ad azionare l’Ams (Alpha Magnetic Spectometer) con il braccio meccanico Canadam. Un orgoglio tutto italiano corredato da un tricolore affidato all’astronauta dal nostro Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Ma non sarà solo l’Ams l’oggetto della missione. Saranno ben dodici gli esperimenti scientifici che l’equipaggio dovrà effettuare. Si tratta di studi delle diverse università e imprese di settore che si prefiggono, tra le altre cose, di studiare una delle curiosità che tormenta astronauti e addetti ai lavori: scoprire il motivo per cui gli equipaggi sentono cattivo odore salendo sullo shuttle. Strumento dello studio sarà un vero e proprio naso elettronico.

Non resta che aspettare, dunque. E pazientare prima di rivedere lo shuttle raggiungere l’orbita. E, ultima curiosità, forse il nostro Vittori dovrà attendere prima di addentare il panino che aveva promesso avrebbe addentato una volta nello spazio.

Federica Vitale

Leggi tutte le notizie sullo Space Shuttle Endeavour.

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico