Ufo, la Russia copia gli alieni: progettato un disco volante spaziale

ufo_russo

È stato presentato un nuovo prototipo di navicella spaziale, che viene dalla Russia, e che sembra un Ufo. La navetta ha infatti una straordinaria somiglianza con il tipico disco volante degli alieni e il potente dirigibile polivalente corre il rischio di essere scambiato per un avvistamento extraterrestre.

Il primo modello presentato ha sette metri di diametro ed è in grado di trasportare venti kg di merci, ma gli esperti promettono che nell’arco di pochi anni riuscirà a contenere fino a seicento tonnellate oppure undici mila passeggeri.

È in grado di effettuare un atterraggio verticale senza la necessità di particolari attrezzature. Potrà muoversi in linea retta fino ad una velocità di 100 km/h e cambiare facilmente rotta. Grazie alla sua forma aerodinamica il consumo di carburante sarà fortemente limitato. La propulsione è fornita da diversi motori elettrici ed ai bordi dello scafo a forma di disco sono presenti delle piccole ali.

Inoltre, la sua particolare forma le da maggiore stabilità e quindi la capacità di resistere alle correnti di vento.

Il piano quinquennale per lo sviluppo del 'disco volante' ha preso il via grazie a Locomosky, produttore del primo aerostato chiamato 'Veicolo Aerostatico Termozavorrato', in russo: Locomoskyner.

Il progetto necessita di novanta miliardi di dollari in investimenti che daranno un posto di lavoro a ottocento persone ed ha la sua sede a Ulyanovsk, città natale di Lenin, situata a 893 km da Mosca.

Marta Proietti

Cerca