Ologrammi 3D: addio rockstar in carne ed ossa, arrivano i cantanti virtuali

vocaloid-2-screenshot

La realtà virtuale impazza, anche nella musica. E ‘Vocaloid’, un programma che sintetizza voci di cantanti maschili e femminili attraverso lo sviluppo di ologrammi in 3D, ne è la conferma.

Si tratta di cantanti virtuali che assomigliano a dei veri e propri avatar in grado di tenere un palco al pari delle più grandi rockstar mondiali. Una delle voci del momento, Miku Hatsune, è stata infatti creata da Crypton Future Media, e consiste appunto in una cantante virtuale che può essere programmata per intonare qualsiasi pezzo musicale. Tanto che la Hatsune si è già esibita in concerti sold-out in un tour limitato in Giappone.

Le performance sono state realizzate grazie alla combinazione di modelli 3D con schermi di chiara proiezione e, chiaramente, con l'ausilio del software del futuro Crypton Media, creando così l’illusione di un vero e proprio concerto da brividi.

La tecnologia. Il progetto alla base del programma Crypton di Miku Hatsune proviene dal software Vocaloid Yamaha, che fornisce i mezzi per creare una voce realistica sintetizzata per il canto. Il software consente agli utenti di comporre musica e collegarla al cantante nota per nota. Come negli umani, ci sono differenti tonalità vocali e diverse estensioni che rendono la voce più naturale.

Affianco a Miku, ispirata da una ragazza di 16anni, tuttavia, si sono esibiti altri artisti: Len e Rin Kagamine, un ragazzo di 14 anni e la giovane Luka Megurine, con la compagnia di un'altra 'donna' anziana per una voce decisamente più adulta.

Yamaha, tuttavia, non ha immesso il software direttamente sul mercato, ma si è affidata a Zero-G, società che si occupa meticolosamente del comparto. È possibile condividere le canzoni create attraverso siti come Piapro (disponibile in lingua giapponese).

E intanto la Crypton ha già torvato la sua nicchia di mercato. Scrivere musica per un avatar virtuale, infatti, è diventato cosi popolare che l'azienda ha creato un etichetta musicale, la KarenT, dove si possono vedere molti video associati alle canzoni sul canale youtube KarenT.

Anche se la proiezione non è impressionante e se osservata attentamente appare un po' sgranata, non vi è dubbio che presto potrebbe essere organizzata un’innovativa mostra visiva con il progresso della tecnologia. Anche i programmi vocali avanzano sempre più con le grandi banche di suoni che offrono prestazioni più elevate e naturali, tra cui una migliore pronuncia e la respirazione.

Tatiana Barone

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico