Erede digitale per Facebook: negli Usa si lascia in eredita' il proprio profilo

Morte Facebook

Mai pensato a un erede digitale? Sì, insomma, a cosa succede se passate a miglior vita e tutta la roba che avete pubblicato in rete, su Facebook in particolare, rimane così incustodita nell'etere? Chi potrà decidere se e quando cancellare la vostra presenza sul social network dopo la vostra morte?

È problema che si sono posti negli Stati Uniti, dove, grazie al servizio chiamato "Legacy Contact", gli utenti iscritti a Facebook potranno decidere cosa ne sarà del proprio profilo in caso di morte.

Solo negli States, quindi, (o almeno solo per adesso), si può nominare un vero e proprio esecutore testamentario, che potrà informare tutti i nostri contatti della nostra dipartita attraverso il nostro stesso profilo, accettare nuove amicizie e cambiare l'immagine del profilo, quasi come il servizio attivato da Google tre anni fa e ribattezzato "Death manager" consente di decidere del futuro post-mortem della nostra vita digitale.

L'erede del social, inoltre, non potrà accedere al profilo come se fosse il deceduto né leggere i messaggi privati. Di contro, invece di nominare l'erede digitale, potremo richiedere di cancellare il nostro account nel momento della morte.

Il numero degli account di Facebook appartenuti a persone decedute sono certificati in oltre 30 milioni, circa il 2% del totale degli 1,4 miliardi di utenti attivi. Il social network di Zuckerberg ha da poco compiuto i suoi primi dieci anni di vita ed è talmente radicato nelle nostre esistenze che anche della morte online dovremo farcene prima o poi un serio problema.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Il testamento digitale targato Google

La morte ai tempi dei social network

Digitali anche da morti: sulla lapide il QR Code rivela la storia dei defunti

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico