Nasce North Pole, la radio 'social' di Babbo Natale

babbonatale dj

Anche Babbo Natale entra nell'era 2.0. E lo fa tramite la “sua” radio. Nasce a New York, infatti, la prima stazione radio dedicata interamente al periodo natalizio. Si chiama North Pole, ovviamente, e speaker d'eccezione è proprio lui, Babbo Natale.

Un deejay capace di accontentare tutte le richieste. E, ammettiamolo pure, saranno sicuramente diverse visto che i canali per inoltrare i propri desideri al simpatico deejay saranno proprio i social network, per la precisione Facebook e Twitter.

L'inedita stazione radio, che vede i suoi natali (è proprio il caso di dirlo) nel 2014, è stata ideata da iHeart, una web radio americana che può essere sintonizzata in tutto il mondo, e che ospita per l'appunto North Pole.

Visto il tema prettamente natalizio, questa stazione ha vita esclusivamente nel periodo delle luci colorate e dei festoni scintillanti. Fino alla fine di dicembre, dunque, sarà possibile sintonizzarsi sulla radio di Santa Klaus per ascoltare classifiche e canzoni passate e presenti che riguardano, ovviamente, il Natale. Dalle classiche Let it snow di Dean Martin a White Christmas di Bing Crosb e da Santa Claus is coming to town a Last Christmas degli Wham!, la scelta è molto vasta. Anche perché la programmazione si estende a canti tradizionali e cori gospel.

Lanciata il 28 novembre scorso, iHeartRadio offre l'opportunità ai suoi ascoltatori di lasciare richieste di canzoni o messaggi personali via casella vocale componendo il numero (929) BIG-ELF1, per gli utenti americani. Gli ascoltatori di altri paesi, invece, troveranno più semplice connettersi con Babbo Natale via Twitter. E seguire, giorno per giorno, le imprese del simpatico vecchietto vestito di rosso ed il suo inconfondibile "Ho Ho Ho!".

Sebbene non sia un'idea nuova, viste altre esperienze via etere dedicate al periodo natalizio, quella della stazione radio gestita da Babbo Natale è sicuramente una trovata al passo con i tempi. Non fosse altro che bambini e adulti possono ascoltarlo dietro un microfono immaginandone le fattezze. Ma, soprattutto, per la facilità di interagire con lui, in tempo reale, sui social media.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Da Londra a Sydney, l'albero di Natale è fatto di Lego

- Le 9 migliori app per risparmiare a Natale

- #Natale 2014: 10 idee per regali geek

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico