Social network: la vita dei giovani e' online

Un ragazzo su 3 è sempre connesso ai social network e il 27% non si è fatto problemi ad incontrare una persona conosciuta sul web. Di questi, ben il 23% lo ha fatto senza informare nessuno, mentre il 35% lo ha detto a genitori o amici. È quanto emerso da un’indagine condotta su un campione di 2000 votanti tra gli 11 e i 20 anni da Skuola.net insieme alla Polizia Postale in occasione del lancio della campagna di informazione “Una vita da social”, presentata insieme a testimonial di eccezione come Fiorello, Maurizio Battista e Amadeus.

Ma la rete non è utilizzata solo per gli incontri: 1 giovane su 4 confessa infatti di prestarsi occasionalmente a comportamenti da cyber-bullo, mentre per il 6% di loro la condotta è sistematica. Il 13% dei ragazzi racconta di aver inviato foto e video di se stesso in atteggiamenti provocatori, mentre il 17% di averlo fatto in cambio di regali, denaro o ricariche telefoniche.

E quando arriva una notifica? Il 31% dei ragazzi deve controllare subito il suo dispositivo. Che sia uno smartphone, il pc o un tablet fa lo stesso. L'importante è passare la giornata a controllare il proprio profilo Facebook.

Il motivo? In gran parte dei casi è legato al denaro o alla voglia di incontrare nuove persone. Circa il 45% dei giovani utilizzerebbe i social network perché permettere di risparmiare sulle telefonate, mentre il 42% per farsi nuovi amici. Nessuno dice di rincorrere la popolarità: solo il 14%.

Ma molti ammettono di usare il popolare social di Mark Zuckerberg anche per comunicare con i propri genitori: lo fa - secondo il sondaggio - la metà degli intervistati, circa il 53%. Il 56%, invece, considera i social molto importanti, anche se non li utilizza per sostituire le uscite di persona e le telefonate.

Il dato allarmante è che oltre il 13% dei giovani ha utilizzato almeno una volta i social per inviare proprie foto o video in atteggiamenti sexy. Il perché? Al 17% di questi è bastata la promessa di una ricarica telefonica o comunque di un compenso o di un regalo. I rischi della rete, però, sono noti, tant'è che oltre 1 su 4 confessa di aver incontrato qualcuno conosciuto online e di questi il 23% lo ha fatto in completa solitudine, senza informare nessuno.

Il cyberbullismo resta una piaga sociale. Perchè Internet non è usato dai giovani solo per fare nuove amicizie e lo conferma il fatto che 1 su 4 ha confessato apertamente di aver avuto, almeno una volta, degli atteggiamenti da bullo postando video o foto di amici che li ritraevano in situazioni imbarazzanti.

Capablanca

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- Internet: dal Safer Internet Day il nuovo programma "Sicuri in Rete"

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico