Facebook, a breve tutti visibili sui motori di ricerca

privacy facebook

Facebook sta per cambiare l'impostazione sulla privacy che permette agli utenti di nascondere il profilo dai risultati di ricerca. Il popolare social network ha iniziato, dunque, a rimuovere una impostazione che permetteva agli utenti di impedire che il proprio profilo fosse consultabile sul sito.

In un comunicato pubblicato on-line, Michael Richter, Chief Privacy Officer di Facebook, spiega agli utenti che hanno abilitato tale funzione che saranno informati a breve riguardo le modifiche relative al proprio profilo sul social network. "L'impostazione di ricerca è stata rimossa l'anno scorso per le persone che non la utilizzavano", spiega la nota. "Per la piccola percentuale di persone che utilizzano ancora l'impostazione, queste riceveranno un promemoria riguardante il fatto che sarà rimossa nelle prossime settimane".

Facebook, dunque, sostiene che solo una piccola percentuale di utenti avesse attivato tale impostazione e le modifiche non influenzeranno quelle sulla privacy dei messaggi. Richter conferma che il cambiamento fa parte di un ampliamento della funzione di ricerca su Facebook. "L'ambiente è stato creato quando Facebook era una semplice directory di profili ed è stato molto limitato", ha spiegato. "Per esempio, non ha impedito alla gente di navigare nella timeline facendo clic con il proprio nome su News Feed o in quella di un amico comune”.

E continua: "oggi, le persone possono effettuare ricerche usando anche Facebook Graph Search, il che rende ancora più importante il controllo della vita privata e delle cose che si condividono, piuttosto del modo in cui la gente arriva sulla nostra Timeline".

Facebook rassicura che offrirà istruzioni dettagliate per aiutare gli utenti ad utilizzare gli strumenti per la privacy del sito e per controllare le modalità attraverso le quali il proprio profilo apparirà nei risultati di ricerca.

facebook-privacy

Così, dopo Google Plus e la possibilità di vedere il proprio profilo legato alla pubblicità, anche la privacy di Facebook viene messa a dura prova. Per carità, comunicati stampa e portavoce ci rassicurano. Ma si parla tanto di privacy sul web. E noi, popolo dei social network, cosa ne pensiamo?

Federica Vitale

Leggi anche:

- Privacy sul web: ecco cosa ne pensano gli italiani

- Facebook, Graph Search e i primi dubbi sulla privacy

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico