Gmail: posta ripristinata. Il bug era nell'aggiornamento

gmail_logo

Tutto risolto. Dopo il black out dello scorso weekend di Gmail, pare che la situazione sia tornata alla normalità. Adesso però si contano i danni e si cercano le cause.

Il problema che, stando a quanto riferisce Google sul suo blog ufficiale, sarebbe stato provocato da un bug, ha causato la momentanea perdita delle vecchie mail di circa 35 mila utenti. Inoltre, per diverse ore non è stato possibile accedere alla propria casella di posta elettronica.

In un primo momento, le stime avevano parlato di 150 mila utenti danneggiati, ma successivamente BigG ha corretto il tiro, sostenendo che il problema aveva coinvolto lo 0,02 per cento degli utenti, non lo 0,08 per cento.

Alla base dello stop, secondo Google, vi sarebbe un aggiornamento del software di archiviazione utilizzato da Google, in cui un bug ha creato il disastro. Non appena il problema è emerso, l'installazione della nuova versione di Google è stata bloccata.

Ben Treynor, responsabile dell'affidabilità di Google, si è scusato con gli utenti, rassicurando sul fatto che a breve le email perse saranno recuperate. Ma ci vorrà ancora qualche giorno prima che tutto possa tornare alla normalità.

Secondo Treynor, inoltre, Google adotta un sistema di sicurezza che salva copie dei dati in diversi data center: “Come misura di sicurezza, l'azienda archivia i dati anche su dischi offline, questo comporta tempi di recupero più lunghi rispetto a una semplice richiesta di trasferimento dati fra i data center”.

Ecco spiegato il perché della lunga attesa prima del ripristino effettivo del servizio email.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico