I robot saranno gli assaggiatori del futuro

robot cibo

A quanto pare, anche l'antico mestiere dell'assaggiatore di corte sarà soppiantato da un robot. Per gli amanti della cucina piccante thailandese, infatti, è bene sapere che il governo di Bangkok sta lanciando una crociata culinaria, garantendo la qualità dei pasti dopo l'assaggio “impeccabile” di un robot.

Pasti robotici, dunque. La nuova frontiera dell'arte culinaria sarà affidata alle papille gustative di un automa. Il quale, a sua volta, avrà a che fare con il tipico pollo al curry o il tom yam kung, la piccante zuppa di gamberetti in infuso di cipolla. Le papille umane, quindi, battute da una macchina che metterà alla prova i piatti per la composizione chimica degli ingredienti mediante sensori e micro-chip.

I risultati rilevati dalle macchine degustatrici saranno poi confrontati con la sostanza chimica già programmata nella macchina e selezionata per quelle specifiche specialità già approvati e degustate dagli esseri umani.

La messa a punto del dispositivo è stato supervisionato dal Comitato Delicious thailandese, un programma finanziato dal governo. E sembra che sia una macchina richiesta nelle varie ambasciate e in altri istituti dove i ristoranti thailandesi sono comuni. "Volevamo un metodo meno costoso e più semplice per giudicare il cibo", spiega Siripat Pratontep, esperto in nanotecnologia. “Occorre solo inserire i pasti e ottenere un punteggio".

In una nazione dove i pasti ideali sono spesso cotti negli angoli delle strade, affidarsi ad un computer come arbitro finale per il verdetto gastronomico è un anatema per molti. Tale “missione” di migliorare il cibo tailandese all'estero è stata fortemente voluta da Yingluck Shinawatra, l'ex primo ministro del paese. Ma deve esserci anche un pizzico di nazionalismo da parte dei thailandesi stessi. Soprattuto perché "ci sono molti ristoranti tailandesi in tutto il mondo, che non sono di proprietà di tailandesi", lamenta Supachai Lorlowhakarn, consulente del governo. "Sono di proprietà di vietnamiti o di proprietari provenienti dalla Birmania”.

Come a voler dire, il cibo tailandese è buono purchè sia cucinato da esperti nativi.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Come i robot cambieranno il futuro dell'uomo

- I robot saranno le badanti del futuro

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico