Octopus e PoseiDrone: i robot di Pisa che amano il mare

Poseidrone2

Si chiamano Octopus e PoseiDrone. Due robot amanti del mare progettati dall'Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, le cui sembianze richiamano quelle degli animali marini.

Non è di certo una novità, la scienza e la tecnologia imitano la natura e imparano da essa. E i risultati sono stupefacenti. Il New York Times si è dedicato di recente ai due robot italiani, sottolineando i vantaggi della produzione di questi dispositivi apportati dalla stampa 3D.

In Italia ad occuparsene è Giorgio Serchi che insieme ai colleghi ha recentemente acquisito una stampante 3D che permette di progettare, sperimentare e rivedere rapidamente le creazioni, cercando di replicare le caratteristiche fondamentali di un polpo: i classici otto tentacoli dei polpi per fornire una gamma pressoché infinita di movimenti e un sistema nervoso insolito in cui le braccia sono semiautonome e il cervello principale è pensato per lavorare al minimo, emettere i comandi generali.

Spiegano gli scienziati che il progetto Octopus, finanziato da Unione Europea e coordinato da Cecilia Laschi, Direttore Vicario dell’Istituto di BioRobotica, “mira a carpire i segreti che nascondono la destrezza e l'intelligenza dell'Octopus Vulgaris, il polpo appunto, per riprodurli in una nuova tipologia di robot marini dal corpo totalmente morbido”.

Poseidrone

Octopus sarebbe così in grado di calarsi nelle profondità del mare e rimuovere i rifiuti, ma anche esplorare le acque, monitorarle e in caso di emergenza, dare una mano durante le operazioni di soccorso.

Ecco i robot all'opera:

Il collega PoseiDrone è fatto per la maggior parte di gomma che lo rende flessibile, permettendoli di sopportare urti violenti senza danni o ammaccature. PoseiDrone può essere considerato il 'fratello maggiore' di Octopus, il primo robot-polpo che ha fatto da apripista alla nuova generazione dei robot flessibili,” spiegano i ricercatori.

Francesca Mancuso

Foto: NYT

LEGGI anche:

Recuperare oggetti in fondo al mare? Presto il pesce meccanico

Relitti e reperti archeologici: a scovarli ci pensa il robot Tifone

Robot sottomarini: e le reti wireless arrivano anche in fondo al mare

Robot acquatici per ricerche e salvataggio

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico