Lokomat: a Roma la riabilitazione per i bimbi col robot

lokomat2 - Copia

Arriva anche nel Lazio Lokomat, il robot per la riabilitazione che aiuterà circa 100 bambini all'anno a ritornare a camminare. Installato al MARLab dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Santa Marinella, lo speciale sistema può essere adattato alla lunghezza degli arti dei piccoli durante la crescita.

Lokomat è formato da quattro elementi. Il principale è l'esoscheletro che, indossato dal bambino, ne controlla il cammino e lo sostiene. Vi è poi il tapis-roulant per riportare i piccoli a camminare, aiutati anche da un sistema per alleggerire il peso e ridurre la fatica. A corredo l'interfaccia con la realtà virtuale, che mostra il corpo del bambino sotto forma di avatar.

Quest'ultimo ne simula il movimento in ambienti diversi, trasformando la riabilitazione in un gioco. Lokomat potrà essere utilizzato da 6 pazienti al giorno con sedute di circa un'ora e mezza. Per ciascuna seduta, i piccoli pazienti saranno seguiti dal personale che avrà il compito di adattare il robot sia al fisico che al tipo di esercizio dei bambini.

Al MARLab vengono seguiti 350 piccoli pazienti l'anno e con l'impiego del Lokomat, in un anno, il Laboratorio potrà garantire oltre 2000 trattamenti riabilitativi robotici.

lokomat bimbi

La casistica di bambini con deficit delle funzioni motorie e della deambulazione è molto ampia, sia per le patologie congenite che per quelle acquisite,” ha detto il Presidente dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, il prof. Giuseppe Profiti. “La riabilitazione robotica rappresenta in questi casi una nuova e sempre più importante opportunità riabilitativa. Questo Laboratorio rappresenta una sede privilegiata per studiare e sviluppare questi nuovi sistemi robotici ad alta tecnologia”.

Lokomat potrà aiutare i bambini affetti da malattie neurologiche disabilitanti, come paralisi cerebrale infantile, trauma cranico, lesioni spinali congenite e acquisite, tumori cerebrali e patologie neuromuscolari come la Distrofia di Duchenne.

Il robot potrà essere utilizzato a partire dall'età di 3 anni consentirà di controllare in tempo reale ogni fase del passo del bambino, supportandolo e correggendo i movimenti delle gambe.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Stampa 3D: creato il primo esoscheletro per paraplegici

I robot saranno le badanti del futuro

Lokomat: un robot e la realtà virtuale per la riabilitazione

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico