Medusa volante: il robot che nuota nell’aria

medusa volante

Lief Ristroph e Stephen Childress della New York University hanno messo a punto un'invenzione davvero singolare: hanno creato una miniatura di un congegno che vola, muovendosi però non come un uccello o un insetto, ma come una medusa.

Invece che sbattere su e giù, le ali di questo mini ornitottero usano lo stesso tipo di movimento che si fa nuotando, aprendosi e chiudendosi per salire, scendere e librarsi.

Le macchine volanti che imitano il volo degli animali come le api o i colibrì tendono a capovolgersi a testa in giù, a meno che il congegno non includa anche degli smorzatori aerodinamici come code o vele, oppure un sistema di controllo continuo per la velocità delle ali e il movimento. Questa medusa volante, invece, riesce a restare dritta nella traiettoria di volo utilizzando soltanto le sue ali che sbattono, senza avvalersi del supporto di altre superfici aerodinamiche.

medusa 1

La macchina volante è stata annunciata lo scorso autunno ed il suo design e funzionamento sono stati analizzati in modo completo nel Journal of the Royal Society.

La medusa volante è lunga appena 10 centimentri e ogni ala misura 8 centimetri. Una fune legata ad una fonte esterna fornisce energia, al posto di batterie collocate direttamente sul congegno. L'intero ornitottero pesa 2,1 grammi, incluso il motore, che pesa poco più di 1 grammo. Per ottenere stabilità lungo differenti sentieri di volo, i ricercatori hanno sperimentato con una spuntatina alle ali, diversi modelli di volo tra le quattro ali e diversi voltaggi. Le misurazioni compiute hanno mostrato i benefici di ali flessibili e l'importanza di selezionare una misura delle ali che sia adeguata al motore.