Mubil, la realta' aumentata in un libro

Sfogliare un libro utilizzando uno schermo 3D e fruire, direttamente sulle pagine del testo, di contenuti addizionali quali immagini, filmati, animazioni o narrazioni vocali. Oppure creare un ambiente tridimensionale nel quale elementi reali ed astratti formano un paesaggio informativo sul quale vengono contestualizzati brani particolarmente significativi estratti dal libro.

la tecnologia che si avvicina alla cultura attraverso nuovi strumenti educativi, mostrati nell'ambito del progetto Mubil, chiusosi il 4 ottobre in un evento aperto al pubblico nella Gunnerus Library di Trondheim, a cui hanno collaborato ricercatori del Laboratorio PERCRO dell'Istituto TeCIP della Scuola Superiore Sant'Anna e la Norwegian University of Science and Technology.

L'evento, mirato alla realizzazione di nuovi strumenti educativi per la fruizione di libri storici utilizzando tecnologie di visualizzazione tridimensionale interattiva, ha visto lo sviluppo di diversi concept mirati ad un'efficace trasposizione virtuale di opere scritte.

Il concept dell'Augmented Book, ad esempio, applicato al Kreuterbuch di Adam Lonitzer (1587), un famoso trattato sulla distillazione medicinale, che consente di sfogliare virtualmente l'opera utilizzando uno schermo 3D e di fruire, direttamente sulle pagine del manoscritto, di contenuti addizionali quali immagini, filmati, animazioni 3D o narrazioni vocali, allo scopo direnderne le tematiche più facilmente comprensibili.

Oppure il concept dell'Information Landscape, applicato al diario di viaggio di H.H. Lilienskiold (1670), che prevede invece la creazione di un ambiente tridimensionale nel quale elementi reali ed astratti formano un paesaggio informativo sul quale vengono contestualizzati brani particolarmente significativi estratti dallibro.

"Nel primo caso – spiega Marcello Carrozzino, ricercatore del TeCIP - gli elementi virtuali "entrano" nel libro, mentre nel secondo caso è il libro ad entrare in un mondo virtuale che lo arricchisce e lo complementa". Le installazioni realizzate sono state dimostrate nell'evento finale e resteranno attive nelle sale museali della GunnerusLibrary per un lungo periodo di sperimentazione e test da parte del pubblico.

Capablanca

Leggi anche:

- Libri, presto saranno in 3D

- Pronta la stampante che cancella l'inchiostro dalla carta

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico