Moto G, Motorola lancia lo smartphone low cost

Moto G lancio

Moto G. Lo smartphone low cost torna alla ribalta con Motorola, che ha annunciato il dispositivo ufficialmente negli Usa, dove si potrà acquistare a 180 dollari (in Italia si attende un prezzo di 199 euro). Forse perché il gemello di fascia alta, il Moto X, non sta vendendo così come ci si aspettava, sta di fatto che l’azienda accelera sul prodotto più economico. E chissà se la strategia sarà vincente.

Motorola si rivolge dunque a clienti non minore disponibilità economica, sulla scia di quello che ha fatto Nokia. È probabile che il target di interesse iniziale siano paesi dell’America Latina come Brasile, Cile e Perù , dove ci sono più di 500 milioni di potenziali clienti.

Anche l’Asia e soprattutto la Cina potrebbe essere un mercato favorevole, ma, viste le restrizioni del governo di Pechino sulla navigazione web, per ora questa regione geografica presenta difficoltà di raggiungimento. Nel gigante dell’Estremo Oriente, infatti, sono bloccati alcuni servizi di Google, tra cui Play, il suo negozio online ufficiale, e questo rende il nuovo smartphone di Motorola molto meno “smart”.

“La nostra capacità di competere è un po’ limitata - ha ammesso a questo proposito Dennis Woodside, Ceo di Motorola - Moto G non sarà offerto in Cina, almeno inizialmente”. Nonostante questo, però, l’azienda conta molto sul nuovo prodotto. Anche in Europa e negli Usa, complice la crisi, uno smartphone economico può essere appetibile, soprattutto dopo la delusione Apple all’uscita dell’iPhone 5C, tutt’altro che low cost.

Moto G lancio 1

D’altronde, a differenza di molti smartphone a basso costo sul mercato, il Moto G avrà un grande schermo ad alta risoluzione, da 4.5 pollici, che lo posiziona tra il più piccolo iPhone 5S e il più grande Galaxy S4. Potrà inoltre eseguire il software più recente di Android per supportare le applicazioni più aggiornate disponibili sul mercato.

Cosa lo rende dunque così a buon mercato? Innanzitutto il Moto G è più ingombrante di molti altri famosi "colleghi", pesa quasi 150 grammi, 30 in più di un iPhone 5S, che però costa 650 dollari senza contratto. Ma soprattutto manca della funzione speciale che caratterizza il Moto X, ovvero la capacità di reagire ai comandi voice dell’utente.

“La missione di Google è organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili – ha spiegato ancora Woodside – Motorola sta cercando di creare un’esperienza di Internet mobile per centinaia di milioni di persone”. L’obbiettivo quindi è raggiungere tutti, rinunciando, questo è ovvio, a tecnologie super raffinate.