L'HTC Buffy il nuovo Facebook Phone?

htc-buffy

Mentre Microsoft torna al mondo dei social network, lasciando trapelare l'arrivo di un nuovo portale, chiamato Socl, Facebook guarda al mondo hardware, pensando ad un proprio smartphone, da lanciare sul mercato tra un anno e mezzo circa. Ma secondo alcuni il cellulare già esisterebbe, sotto il nome di HTC Buffy.

A rivelarlo è il blog All Things Digital secondo cui l'HTC Buffy sarebbe il nuovo Facebook Phone. Con il suo sistema operativo Android, lo smartphone sarebbe stato però adattato al social network che lo avrebbe arricchito con i propri servizi.

A quanto pare, il team di Facebook aveva prima scelto Samsung per il nuovo cellulare ma avrebbe poi puntato sui taiwanesi di HTC per la sua realizzazione. Ma ci vorranno da 12 a 18 mesi prima di vederlo all'opera, visto che anche se Buffy concettualmente esiste già, occorrerrà almeno un anno prima che possa diventare realtà.

E questa volta la novità, unica nel suo genere, è che lo smartphone sarà completamente "Facebook-oriented", sarà pensato esclusivamente in funzione del social network di Zuckerberg. Con tanto di sistema operativo dedicato, una versione modificata di Android.

Ma un portavoce di Facebook ha negato l'esistenza di Buffy, spiegando però: "La nostra strategia mobile è semplice: Noi pensiamo che ogni dispositivo mobile deve essere del tutto social. Stiamo lavorando su tutto il settore mobile, con operatori, produttori di hardware, fornitori di sistema operativo e sviluppatori di applicazioni per portare potenti esperienze sociali a più persone in tutto il mondo. "

Vi starete chiedendo: “Ma non esistono già applicazioni Facebook sugli attuali smartphone”? Chiaramente è così ma secondo gli addetti ai lavori con Buffy sarà tutta un'altra musica visto che l'integrazione tra social network e cellulare sarà molto più profonda, portando amici e attività sociali all'interno di un'interfaccia mobile. "I nostri dispositivi mobili sono intrinsecamente sociali" ha detto il CTO di Facebook, Bret Taylor.

Indiscrezioni a parte, rimarremo col fiato sospeso almeno fino al 2013.

Francesca Mancuso

Cerca