antenna_dispersi

Spirito libero, voglia di divertirsi, magari un gruppo di amici: cos’altro serve per un’avventura? Il contatto con la natura, una certa forma di isolamento dai problemi di tutti i giorni, dalla routine: per moltissime persone si tratta di sensazioni impagabili. Irrinunciabili, almeno di tanto in tanto.

Cestino_dei_rifiuti_elettrico

Chi non ha mai pulito un pavimento alzi la mano! Prima o dopo, tocca a tutti, si tratta di una necessità ineludibile. Una di quelle cose che ci si abitua a fare, che entrano a far parte della routine. E allora, imbracciate scopa e paletta ci si avventura a caccia di sporcizia e polvere. Da tutti gli angoli della stanza, fino a formare un mucchietto ordinato e poi nel cestino. O meglio, nella paletta, che ci si china a raccogliere, e poi nel cestino, in genere a più riprese.

Hal_9000

Quali sono le potenzialità e i limiti di un calcolatore? La domanda appassiona e intriga numerosissimi addetti ai lavori e non solo, dando vita addirittura ad alcuni specifici filoni di ricerca dedicati proprio a determinare i contorni, sempre più ampi, delle attività che possono essere svolte da un computer.

Magic_Mirror

Se esiste un posto ancora inviolato in fatto di messaggi pubblicitari o informativi, è sicuramente il bagno di casa. Laddove infatti ogni angolo del salotto, della camera o della cucina sono invasi da spot e titoli di ogni genere , il bagno rimane la sola oasi felice risparmiata da tutto questo bombardamento.

Finger_reader

Fare la spesa per un non vedente non è semplice, ma potrebbe diventarlo grazie a Finger Reader, uno strumento in grado di seguirlo durante gli acquisti. Si tratta infatti di un dispositivo composto da una sorta di ditale elettronico e da un auricolare bluetooth.

motore_nano

È circa 100mila volte più piccolo dello spessore di un capello umano, ma è capace di funzionare come un motore vero e proprio: si chiama metil butil solfuro, una molecola in grado di essere messa in moto con un microscopio a effetto tunnel (di solito usato per osservare fenomeni su scala atomica), che “spara elettroni” generando l’alimentazione necessaria. Il dispositivo, realizzato da un gruppo di ricercatori della Tufts University (Boston, Massachusetts, Usa), guidati da E. Charles H. Sykes, ha molteplici potenziali applicazioni, che spaziano dalla microelettronica alla veicolazione controllata di farmaci.

nebbia_auto

Come un semaforo ci dice se dobbiamo fermarci o rallentare, o se possiamo camminare senza problemi: è ‘safety distance’, l’innovativo sistema di luci con il quale gli automobilisti sono avvisati della presenza di altre autovetture in caso di ridotta visibilità per nebbia o scarsità di luce. Sviluppato dal progettista cinese Da Wei Xing, funziona ad infrarossi ed è alimentato ad energia solare.

Pagina 22 di 28

Cerca