Web Lab: con Google la fantascienza diventa realtà

weblab

Google, sbarca a Londra il Web Lab, un insieme di cinque installazioni fisiche conservate nei sotterranei del Museo delle Scienze della città. La particolarità del nuovo progetto di Mountaun View è che consente di interagire da casa propria (oltre che dal vivo dal museo) con gli utenti di tutto il mondo, suonando insieme.

La grande sala del Museo londinese ospita infatti dei fantascientifici strumenti, da cui ad esempio vengono prodotti i suoni, creati via internet dagli utenti stessi. Web Lab non funziona dunque come un normale museo, ma è uno spazio interattivo, che funziona anche dopo l'orario di apertura del museo.

Ciascuno dei cinque esperimenti, Universal Orchestra, Data Tracer, Sketchbots, Teleporter and Lab Tag Explorer presentano le più moderne tecnologie utilizzabili attraverso Chrome per esplorare particolari aree dell'informatica. Ad esempio, l'Universal Orchestra usa WebSockets, per dimostrare che è possibile collaborare a distanza ma in tempo reale per fare musica insieme attraverso strumenti robotici appositamente costruiti per tale scopo e ospitati nel Museo della Scienza.

Ma ci sono anche gli Sketchbots, i robot personalizzati in grado di scattare fotografie e poi disegnarle sulla sabbia con uno speciale plotter. O ancora Data Tracer, la mappa che riporta il luogo in cui sono fisicamente conservate le informazioni online ricercate nel mondo.

Ben oltre la più fervida immaginazione

Francesca Mancuso