Project Glass: presentati i nuovi occhiali di Google per la realtà aumentata

Project Glass

Il Project Glass, i rivoluzionari occhialini di Google con cui, camminando per strada, potremo avere informazioni in tempo reale, videochiamare i nostri amici ed interagire con l'ambiente che ci circonda grazie alla realtà virtuale, si arricchisce di ulteriori dettagli dopo la presentazione al Google I/O 2012, in corso a San Francisco.

Presentazione molto spettacolare perché alcuni paracadutisti si sono lanciati da un dirigibile e sono atterrati sul tetto del Moscone Center, per poi arrivare in sala in bici. Il tutto è stato ripreso e trasmesso in diretta dagli occhiali di Google. Ieri l’azienda ha annunciato che sta vendendo un prototipo degli occhiali ai programmatori americani presenti all'evento di San Francisco. Gli sviluppatori, che pagheranno gli occhiali 1.500 dollari, li riceveranno all'inizio del prossimo anno.

L'azienda conta sui programmatori per migliorare il prodotto e creare anche delle applicazioni che renderanno i Google Glass ancora più utili. "Questa è una nuova tecnologia e vogliamo che voi le diate forma", ha detto il cofondatore di Google, Sergey Brin, parlando ai circa 6.000 partecipanti. "Vogliamo farli arrivare nelle mani degli appassionati il prima possibile". Se tutto va bene, una versione meno costosa degli occhiali dovrebbe arrivare sul mercato per il grande pubblico nei primi mesi del 2014.

Senza svelare il prezzo di questa versione, Brin ha dichiarato che gli occhiali costeranno più degli smartphone. Brin ha ammesso che Google deve ancora risolvere una serie di bug e capire come aumentare la durata della batteria, in modo che gli utenti possano indossarli tutto il giorno. In attesa di risolvere questi problemi, il pubblico del Google I/O ha potuto assistere ad uno spettacolo davvero incredibile: Google ha infatti assoldato alcuni paracadutisti professionisti e li ha fatti lanciare da un dirigibile che si trovava ad oltre 2.000 metri di altezza dal centro di San Francisco.

I paracadutisti indossavano occhiali connessi ad Internet e dotati di telecamera, per mostrare come il prodotto potrà sviluppare nelle persone modi completamente nuovi per condividere i loro momenti. Mentre i paracadutisti atterravano sul tetto del Moscone Center, infatti, il pubblico all'interno ha potuto osservare la discesa in tempo reale attraverso gli occhi dei protagonisti. Indossando gli occhialini di Google, le indicazioni stradali per raggiungere il luogo desiderato o un sms in arrivo da un nostro amico ci appariranno letteralmente davanti ai nostri occhi.

Potremo chiacchierare con gli amici in videochat, scattare una foto senza avere con noi una fotocamera o un cellulare e persino fare acquisti online mentre camminiamo. Probabilmente i critici vedranno i Google Glass come l'ultima innovazione che ridurrà i tempi di attenzione e renderà più difficile per le persone apprezzare appieno ciò che sta accadendo intorno a loro.

Brin e gli ingegneri di Google, al contrario, sperano che con questo nuovo gadget per la gente sarà più semplice trovare il giusto equilibrio tra mondi reali e virtuali. Se Google riuscirà nel suo intento, tra 3-4 anni ci sembrerà strano controllare il nostro telefonino, dal momento che in un paio di occhiali avremo tutti gli strumenti digitali di cui abbiamo bisogno.

Antonino Neri