scimmie_pensiero

Solo tramite impulsi nervosi e senza muovere alcun arto, alcune scimmie sono state rese in grado di uovere un braccio virtuale e di “sentire” gli oggetti sui quali questo passava. L’eccezionale scoperta, condotta da un gruppo di ricerca del Centre for Neuroengineering della Duke University di Durham (Usa), potrebbe costituire un primo passo verso la realizzazione di scheletri robotici da far indossare a chi è affetto da gravi paralisi come la tetraplegia.

protesi_spazio

Protesi sempre più resistenti, che non necessitano più di essere cambiate dopo 25 anni come avviene oggi. Ma cos'hanno di speciale? Sono realizzate utilizzando gli stessi materiali adoperati nella costruzione degli Shuttle e delle velocissime e soprattutto indistruttibili auto della Formula 1.

microRna

Il tumore si può combattere con delle piccole sequenze simili al Dna, i microRna: a dare la notizia Clara Nervi, professore del Dipartimento di Istologia ed Embriologia Medica dell’Università La Sapienza di Roma, durante un convegno organizzato presso l’Istituto Superiore di Sanità (Roma). La scoperta, che apre scenari di ricerca estremamente promettenti, è in fase di sperimentazione clinica e ha già dato ottimi risultati sulle metastasi ossee del tumore alla prostata, negli Usa la seconda causa di morte per cancro dopo quello al polmone.

suicidio_cellule_cancro

Si chiama ‘cell level diagnostic system’, che in italiano suona ‘sistema diagnostico del livello cellulare’ ed è un’innovativa metodologia computerizzata per l’individuazione e la distruzione di cellule tumorali. Lo studio, condotto sulle cellule HeLa, un profilo tipico del cancro cervicale, è stato effettuato da un gruppo di ricercatori provenienti dal Mit (Massachusetts Institute of Technology, Usa) e dall’Eth (Eidgenössische Technische Hochschule, Zurigo, Svizzera), e ha portato ad individuare una tecnica selettiva in vitro per la diagnosi e la terapia per questo tipo di tumore.

watson_medico

Un anno e mezzo fa un supercomputer sfidò in un celebre quis televisivo, Jeopardy, per tre giorni due concorrenti. Due uomini contro una macchina molto complessa, chiamata Ibm Watson. In quell'occasione si trattò di un gioco, una sorta di faccia a faccia tra l'uomo e la tecnologica, ma da allora il supercomputer si è dedicato a passatempi ben più utili. È recente infatti la notizia che Watson verrà utilizzato per diagnosticare i tumori e per agire tempestivamente con le opportune terapie.

Pagina 22 di 26

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico