Uomo su Marte, Mars One: tutto pronto per le iscrizioni per il Grande Fratello marziano

mars-one-colony

Uomo su Marte. Da luglio 2015 partiranno le iscrizioni per i primi marsonauti, gli astronauti che dal 2023 potrebbero volare sul Pianeta Rosso. Migliaia le richieste pervenute. Aperte le iscrizioni, ecco come fare per partecipare.

L'organizzazione senza scopo di lucro che si propone di far atterrare 4 astronauti su Marte tra 10 anni, ha dato il via alla biennale ricerca dei candidati che esploreranno il pianeta rosso per la pima volta. Da adesso a luglio, chi vuole candidarsi dovrà inviare i video con la propria presentazione e pagare 25 dollari. Mars One è infatti alla ricerca di candidati provenienti da tutto il mondo ma le quote di iscrizione variano da paese a paese. Il gruppo spera di raccogliere milioni di dollari in questo modo, con il ricavato che sarà utilizzato per effettuare nuovi studi sulle tecnologie destinate all'ambiziosa missione.

I dettagli non sono stati ancora resi noti ma l'organizzazione svelerà il contenuto della missione e il processo di selezione degli astronauti in una conferenza stampa che si svolgerà il 22 aprile prossimo a New York City.

Chi potrà candidarsi. Chiunque abbia almeno 18 anni di età può farlo inviando un video in cui spiegherà perché dovrebbe essere selezionato/a. Ma i futuri coloni devono essere pronti a dire addio alla Terra per sempre; al momento sembra che non ci siano piani per riportare gli astronauti a casa. Oggi, alla mailing list di Mars One si sono iscritte 45.000 e l'organizzazione olandese ha già ricevuto circa 10.000 e-mail da parte di persone interessate, come ha svelato il fondatore Bas Lansdorp.

Il processo di selezione. Entro due anni, Mars One vuole avere nel suo team 24 astronauti, organizzati in sei squadre formate da quattro persone. Le squadre poi affronteranno sette anni di formazione trascorrendo tre mesi alla volta in una replica della colonia di Marte. "Li sottoporremo a tutte le situazioni più stressanti," ha detto Lansdorp, aggiungendo che la base avrà un ritardo di comunicazione di 40 minuti per simulare l'intervallo di tempo dovuto alla grande distanza che separa la Terra da Marte.