Curiosity lavora col 'lato B' ma si prepara all'allineamento Marte-Sole-Terra

Curiosity immagini

Il rover Curiosity ha ripreso a lavorare a pieno ritmo dopo un problema legato ad un problema tecnico, che ha spinto gli ingegneri della Nasa ha fermare le operazioni, lo scorso 28 febbraio. Ma tra pochi giorni, l'allineamento planetario tra Marte, Terra e Sole, renderà difficili le comunicazioni tra noi e il pianeta rosso.

Come molti veicoli spaziali, Curiosity ha a bordo una coppia di computer principali, ridondanti tra loro, per avere un backup disponibile se l'altro ha un problema. Ognuno dei computer, A e B, ha anche altri sottosistemi ridondanti. Curiosity al momento sta operando sul suo lato B, come ha fatto durante una parte del volo dalla Terra a Marte. Il lato A è stato utilizzato più di recente e fino al 28 febbraio, quando gli ingegneri hanno avviato il computer B per per via del problema tecnico di memoria sul A. Il lato A è ora disponibile come “copia di backup”, qualora fosse necessario.

Intanto Curiosity ha ripreso la sua attività di indagine. Lo scorso 21 marzo, il rover ha prelevato un nuovo campione di roccia poi inviato ai laboratori a bordo. “Siamo tornati alle operazioni scientifiche complete”, ha detto il vice Project Manager, Jim Erickson del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena. La polvere consegnata sabato scorso dal rover proviene dalla prima vera foratura completa di una roccia, di cui è stato raccolto un campione.

Quest'ultimo è stato passato a Sam, lo strumento all'interno del rover, che ha iniziato l'analisi di questo materiale e che aveva già analizzato altre parti della stessa perforazione. Al lavoro anche Rems, la stazione di monitoraggio ambientale del rover e Rad, il rilevatore di radiazioni, che sta controllando l'ambiente naturale e le radiazioni nel luogo in cui si trova Curiosity, all'interno del cratere Gale.

Le prossime attività di Curiosity riguarderanno però i preparativi per lo stop della trasmissione dei comandi da Terra dal 4 aprile al 1° maggio, quando Marte passerà quasi completamente dietro il Sole, dal punto di vista della Terra. Una precauzione contro possibili interferenze da parte della nostra stella.

Un silenzio assoluto, durante il quale però Curiosity continuerà indisturbato a scrutare il suolo marziano.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Curiosity: cos'è quella strana 'maniglia' su Marte?

- Curiosity: Marte in passato ha ospitato la vita

- I 10 paesaggi alieni offerti dalla Terra

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico