Bosone di Higgs: tra i premiati anche due italiani

bosone cern

Gli studi sul Bosone di Higgs effettuati al Cern di Ginevra hanno cominciato a dare i primi frutti. Non si tratta di rivoluzioni nel settore della fisica delle particelle ma di un riconoscimento internazionale, assegnato dalla Fundamental Physics Prize Foundation a sette scienziati che hanno partecipato alla ricerca.

Uno dei due premi speciali per il 2013 verrà dunque condiviso dai leaders del progetto LHC e degli esperimenti Atlas e Cms. Ed ecco i nomi dei premiati: Peter Jenni, Fabiola Gianotti per l’esperimento Atlas, Michel Della Negra, Tejinder Singh Virdee, Guido Tonelli e Joe Incandela per Cms and Lyn Evans per Lhc. “I vincitori - recita la motivazione - sono stati premiati per la loro leadership nell’impresa scientifica che ha condotto alla scoperta del bosone di Higgs da parte delle collaborazioni Atlas e Cms ad Lhc”.

Cos'è il Fundamental Physics Prize? Si tratta di un riconoscimento annuale assegnato dall’omonima fondazione alle scoperte scientifiche più importanti per l’avanzamento della conoscenza fondamentale dell’universo.

Una sezione del premio è dedicata ai giovani ricercatori più promettenti e tra i premiati per il 2013 c’è l’italiano Davide Gaiotto. L’altro premio speciale è stato invece assegnato al fisico britannico Stephen Hawking.

Considero il premio ricevuto come un premio per tutta la collaborazione Atlas - ha dichiarato Fabiola Gianotti - per il duro lavoro svolto negli anni da tutti coloro che hanno partecipato all’esperimento. L’intero ammontare della frazione di premio assegnatoci -pari a 500mila euro - sarà quindi utilizzato per supportare e finanziare il lavoro, nel gruppo Atlas di giovani fisici, provenienti da paesi economicamente disagiati”.

"È un riconoscimento straordinario al lavoro delle miglia di persone che in questi venti anni hanno contribuito ad Lhc - ha commentato Guido Tonelli - e che ha condotto a una scoperta destinata a cambiare la nostra visione del mondo”.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il 20 marzo 2013 al Cern.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Cern: la particella somiglia davvero al Bosone di Higg

- Cern: la Particella di Dio esiste

- Bosone di Higgs: ecco come cambierà le nostre vite

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico