Google sposa Uber: le auto senza conducente contro i tassisti

Uber Google

Google e Uber: sembra proprio che lo sposalizio sia deciso. A rivelarlo, in via ancora ufficiosa, alcuni portali di settore, che parlano di un investimento di 250 mila di dollari da parte di Google Ventures. Ma per i tassisti italiani, che temono pericolosi cali di introiti, questo è un matrimonio che “non s’ha da fare”.

Nata nel 2009 a San Francisco da un’idea di Garret Camp, Uber è un’app pensata per Android e Apple iOS, e offre un servizio di chiamata diretta di taxi personali. É sufficiente scaricare il software sul proprio smartphone o tablet e, al bisogno, inserire la propria richiesta, che sarà pagata in anticipo via carta di credito, contrattando dunque il prezzo prima della corsa effettiva. Negli Usa Uber ha già ottenuto un tale successo che la società, secondo un documento ufficiale, è valutata 3.5 miliardi di dollari.

Un affare che Google non sembra voglia farsi sfuggire, tanto che diverse indiscrezioni indicano un impegno all’acquisto di duemila vetture driveless, un altro business al quale il gigante di Mountain View punta da tempo. Ma futurismo più o meno concreto a breve distanza a parte, Uber attualmente promette un servizio alternativo al servizio pubblico tradizionale. Tra l’altro l’utente non è obbligato a inserire l’indirizzo preciso nel quale si trova, perché il sistema consente la sua localizzazione via Gps.

Per quanto riguarda il nostro Paese, attualmente lo strumento è disponibile in grandi città come Roma, Firenze, Torino e Milano, dove però i tassisti hanno già organizzato proteste, tanto da spingere l’amministrazione cittadina ad emanare provvedimenti a difesa della categoria, che si sente minacciata da una concorrenza attualmente rivolta a clientela di livello economico elevato, ma in prospettiva di adeguarsi anche ad un pubblico più eterogeneo.

Nel frattempo gli accordi societari proseguono: sembra infatti che i due colossi condivideranno anche dati del trasporto locale, per migliorare l’algoritmo mappe.

RDC

LEGGI anche:

- Uber: chiamare il taxi (di lusso) con un'app

- Google Car: anche la California vuole le auto senza pilota

Cerca