Africa: il futuro dell'economia passa anche per lo spazio

africa_spazio

Si è conclusa da pochi giorni la IV Conferenza panafricana che si è tenuta a Mombasa in questi giorni, alla quale ha partecipato anche l'Agenzia Spaziale Italiana rappresentata dal presidente Enrico Saggese.

Il tema è stato "Scienza e tecnologia spaziali a favore dello sviluppo sostenibile" ed ha calamitato l'attenzione di oltre 200 rappresentanti di 25 paesi africani. Obiettivo della conferenza è stato principalmente quello di costruire una visione comune riguardo l'utilizzo della tecnologia spaziale al fine di incentivare la crescita e lo sviluppo economico del continente.

Sandile Malinga, presidente della neo agenzia spaziale del Sud Africa, ha così dichiarato: "Noi tutti qui, rappresentanti di tanti paesi dell'Africa, condividiamo le sfide e le aspirazioni per un futuro di prosperità".

Un altro obiettivo che si sono proposti i rappresentanti africani è stato quello di avviare il progetto di un'agenzia spaziale africana. Sebbene paesi come Marocco, Egitto, Algeria e Sud Africa ne abbiano già una, sono numerosi i paesi che ne sono sprovvisti, tra i quali anche il Kenya, il paese che ha ospitato l'incontro.

Determinante per il Kenya è il supporto italiano. Ha sede a Malindi, infatti, la base spaziale italiana "Luigi Broglio" che, soprattutto in questi ultimi anni, sta fornendo un forte aiuto nella produzione di nuovi progetti e nella formazione del personale.

Al fine di sottolineare questa decennale cooperazione, l'Asi ha annunciato che la costellazione radar italiana COSMO-SkyMed mapperà il Kenya periodicamente e, inoltre, sono in programma training di formazione per tutti gli studenti keniani che vogliano intraprendere l’entusiasmante viaggio nella conoscenza dello spazio.

Federica Vitale

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico