Google: i suoi 13 anni di storia

13anni_google

Il dominio del sito fu registrato il 15 Settembre 1997, mentre l’azienda fu fondata il 7 Settembre dell’anno successivo. Ma il compleanno è il 27 Settembre. Di chi stiamo parlando? Di Google ovviamente, che nasce il 15 ma festeggia il 27, perché lui ha deciso così, nel 2005, forse per ricordare il giorno dell’idea nata da due studenti universitari di Standford (Palo Alto, California, Usa), Larry Page e Sergey Brin. Per cui tanti auguri al motore di ricerca probabilmente più famoso al mondo, che compie 13 anni.

Alla nascita Google aveva come nemici colossi come Yahoo e Altavista, ma nella mente degli ideatori doveva essere qualcosa di diverso e così è stato: con la sua semplicità grafica e la rapidità di utilizzo è diventato ben presto il motore di ricerca di eccellenza, raggiungendo ormai ogni mese circa un milione di visitatori unici (individui che accedono al sito con un pc identificato da un certo indirizzo ip, senza contare le connessioni multiple), secondo le stime di Wall Street.

Il motore di ricerca nasce dalla cosiddetta ‘Teoria delle reti’, secondo la quale le pagine citate con il maggior numero di link sono le più importanti e meritevoli. Su questa base i fondatori hanno costruito un sistema molto più rapido di trovare i siti web in base alle parole chiave, e lo hanno battezzato Google, dal termine ‘Googol’, che si riferisce al numero costituito da 1 seguito da 100 zeri. L'adozione di questo nome rispecchia la volontà societaria di organizzare l'immane mole di informazioni disponibili in Rete.

13 anni di successi dunque, conditi da continue innovazioni: Google Maps, Google Earth, Google News, Google Docs, Google Mail e recentemente il lancio di Google+. Google ha anche creato il browser Chrome, molto rapido e semplice, nonché il sistema operativo Android, destinato ai dispositivi mobili, che ha spostato il marketing dal pc di casa agli smarthphone (che rispetto al 2010 hanno registrato un incremento del 52 per cento). Attualmente l’impero Google è stato valutato intorno ai 172 miliardi di dollari.

Tanti auguri dunque, nell’attesa di vedere quali altre novità ci saranno per gli appassionati della rete.

Roberta De Carolis

Cerca