Sega: attacco hacker. Salve le carte di credito

sega

Ancora una violazione della privacy, e questa volta a farne le spese è stata Sega. Il colosso nipponico dei videogames ha subito un attacco da parte di alcuni hacker, i quali hanno sottratto i dati personali di oltre 1,29 milioni di utenti registrati.

In particolare, a subire l'attacco lo scorso giovedì è stato il sito della filiale europea a Londra, Sega Pass. Lo ha reso noto la stessa Sega, che comunque ha rassicurato i suoi utenti riguardo alla sottrazione dei numeri di carta di credito. Almeno quelli sono in salvo.

Tra le informazioni trafugate vi sarebbero: nomi, date di nascita, indirizzi e-mail e password cifrate, "Ci scusiamo per il disagio causato ai nostri clienti" ha commentato Sega riguardo all'accaduto, rassicurando sul fatto che "é stata avviata un'inchiesta per fare luce sulle cause".

Da venerdì scorso intanto tutti gli accessi al Sega Pass sono stati temporaneamente sospesi e i vecchi dati d'accesso sono stati disabilitati, onde evitare ulteriori disastri. "Daremo la massima priorità alla sicurezza e faremo ogni sforzo per recuperare la fiducia degli utenti", ha concluso Sega.

Tuttavia, gli hackers di Lulz Security, che nelle scorse settimane hanno sferrato numerosi attacchi ai danni della Sony, del Fondo monetario internazionale e del sito pubblico della Cia, dopo essersi dichiarati innocenti, hanno espresso la propria solidarietà alla Sega promettendo di aiutarla. "Vogliamo aiutarvi a distruggere gli hacker che vi hanno attaccato", hga detto Lulz Security.

Una guerra tutti contro tutti, a difesa della nostra privacy.

Francesca Mancuso

Cerca