L'attività solare del 2013 e' la più debole degli ultimi 100 anni

debole picco solare

Il 2013 avrebbe dovuto essere l'anno di massima attività solare, l'atteso picco di un ciclo di 11 anni. Questo, in genere, avviene quando il numero di macchie solari che deturpano la superficie del Sole sono al massimo della loro attività.

Queste macchie solari, le quali sono in realtà zone fresche sulla superficie del Sole e causate da una intensa attività magnetica, sono protagoniste di spettacolari eruzioni solari e CME, ovvero espulsioni di massa coronale, in grado di inviare miliardi di tonnellate di materiale solare attraverso lo spazio.

Tuttavia, quello che ci si aspettava per il 2013, ossia enormi fuochi solari di spettacolare intensità, non si è mai materializzato. Certo, siamo stati testimoni di una manciata di grandi eruzioni solari ed un paio di CME di cui non ci si aspettava il verificarsi, ma gli scienziati sostengono che l'attuale massimo solare, il più intenso e noto come “maximum 24”, è al contrario il più debole degli ultimi 100 anni, confermando in parte quel che si prevedeva all'inizio dell'anno.

E per alcuni scienziati, il 25° massimo solare potrebbe essere ancora più debole. Per aiutarci a capire che cosa sta succedendo, l'American Astronomical Society ha chiesto agli scienziati di fornire un aggiornamento sul massimo solare numero 24 in una conferenza stampa, tenutasi giovedì 11 luglio. “È il picco solare più debole che abbiamo avuto modo di osservare", ha confermato David Hathaway, del Marshall Space Flight Center della Nasa di Huntsville, in Alabama.

Ad ogni modo, sembra vi sia una certa polemica nella comunità scientifica sulle cause che hanno reso così debole il fenomeno. Una teoria, infatti, vorrebbe tale debolezza come usuale nel percorso temporale di questi ultimi 100 anni. Infatti, alcuni grafici risalenti al 1700 mostrerebbero che il numero di macchie durante i massimi solari, avuti luogo nella prima parte degli ultimi tre secoli e seguiti dagli scienziati, è molto più basso rispetto al numero di macchie solari durante i massimi avvenuti nella seconda metà di quei secoli. “Stiamo osservando i campi, i quali suggeriscono che il prossimo ciclo solare sarà ancora più debole di questo", ha riferito ancora Hathaway.

Alla domanda su cosa abbia causato i cicli di questi ultimi 100 anni, gli scienziati hanno ammesso di non saperne l'origine. Mentre altri scienziati, al contrario, non sono affatto convinti che tale debole picco solare di quest'anno sia parte di un ciclo di 100 anni e non hanno escluso la possibilità che il Sole potrebbe essere sull'orlo di un minimo di Maunder, ossia un periodo di tempo durante il quale la stella non esibisce quasi nessuna macchia solare. L'ultimo minimo di Maunder che è stato osservato si è avuto nel 1645. Tuttavia, l'ultima volta che si è verificato tale fenomeno, questo è stato preceduto da un massimo solare relativamente intenso.

Nessuno sa esattamente cosa stia succedendo. Lo studio del Sole è pratica portata avanti per un piccolo frammento della sua vita. Per questo motivo, gran parte del suo comportamento è ancora oggi un mistero.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Eruzione solare: nel 2013 un ciclo gemello

- Eruzione solare: nuova esplosione il 7 giugno

- Eruzione solare, altre due violente eplosioni: il video

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico