Sonda Rosetta: tracce di materiale organico sulla cometa

rosetta materialeorganico

Materiale organico sulla cometa “perlustrata” dalla sonda Rosetta dell'Esa. Uno strato grigio di polveri organiche, infatti, ricoprirebbe la superficie cometaria. Inoltre, stabilendo le temperature dell'oggetto, si è constatato come queste siano più calde del previsto.

Sono questi i primi risultati presentati dall'Agenzia Spaziale Europea in occasione del convegno dell'American Geophysical Union, negli Stati Uniti. Dati resi possibili grazie a Virtis, lo spettrometro tutto italiano a bordo della sonda europea. Questo sofisticato strumento è stato in grado di indicare come la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko sia molto più "calda del previsto, con una temperatura di meno 50 gradi, confrontabile a quella che si registra in estate nelle zone interne dell'Antartide”, hanno dichiarato gli esperti. Questa temperatura “anomala” e del tutto inaspettata per una cometa, potrebbe essere riconducibile proprio alla presenza di polveri che l'avvolgono e che riflettono poco la luce solare.

I ricercatori, tra i quali il responsabile Fabrizio Capaccioni dell'Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell'Istituto Nazionale di Astrofisica, sono stati in grado di analizzare la superficie della cometa mediante una fotocamera. Lo strumento si basa su tre colori ed ha ripreso la cometa 67P utilizzando 860 colori, coprendo in tal modo tutto lo spettro luminoso, dalla luce ultravioletta a quella infrarossa. L'analisi dei dati ottenuti, dunque, indica la presenza di materiali organici, ossia a base di carbonio e fondamentali per l'origine della vita. Gli strumenti ROSINA, inoltre, hanno permesso una misurazione della composizione isotopica del vapore acqueo.

Tuttavia, frenano i ricercatori, non si tratterebbe di tracce di vita. E questo in virtù del fatto che non tutti i composti di questo tipo siano ricollegabili alla sua presenza. Occorreranno altri rilevamenti e ulteriori test per capire se tali elementi possano costituire la base del materiale organico indispensabile all'origine della vita.