Le meteore da ammirare a settembre

aurigidi

E se agosto ci ha regalato lo sciame meteorico delle Perseidi e luglio ha iniziato la danza delle meteoriti con le Delta Acquaridi, anche settembre non mancherà di deliziarci con la pioggia di stelle cadenti in corsa verso l'atmosfera terrestre.

Il picco delle meteore dell'Auriga è al suo apice di intensità proprio in queste notti. Dal 1° settembre, infatti, protetti dal buio, ci si potrebbe aspettare di vedere circa 5 meteore all'ora. Occorre però individuarle nella prima parte del mese, ossia prima che la luna cresca di dimensioni sufficienti ad emanare la sua luce nel cielo notturno.

Settembre ha anche il vantaggio di offrire notti più lunghe se ci si trova nell'emisfero settentrionale. E, sebbene non ci siano piogge stellari importanti durante questo mese, l'emisfero settentrionale sarà caratterizzato da alti tassi di meteore sporadiche, almeno secondo quanto sostiene l'American Meteor Society. Questo significa semplicemente che, se si è fuori durante la notte, in un luogo buio, si potrebbe avere la fortuna di incappare nel passaggio veloce di qualche meteora. Quante? Non è possibile prevederlo. Una manciata ogni ora, forse.

La pioggia delle Aurigidi è l'origine di alcune di queste meteore settembrine. Questa pioggia, tuttavia, non è particolarmente buona per gli spettatori dell'emisfero meridionale. Il radiante si trova nel centro dell'Auriga, una costellazione del cielo boreale. Questo radiante è ben posizionato per gli osservatori dell'emisfero settentrionale. È alto nel cielo nord-orientale durante le ultime ore prima dell'alba nell'emisfero settentrionale.

La Luna raggiungerà la sua nuova fase giovedì 5 settembre. In tal modo, con una Luna calante che sorge nelle prime ore del mattino, le condizioni saranno ottimali per la visione delle meteore. In più ci sarà anche il pianeta Giove, splendente nel cielo orientale prima dell'alba. E sarà proprio tra il 5 ed il 6 settembre che un altro sciame di meteore, le Epsilon Perseidi, faranno capolino nei nostri cieli notturni di fine estate.

Appuntamento invece per l'11 e 12 settembre con le Alfa Triangulidi. Si tratta di uno sciame meteorico attivo secondo una certa periodicità. Risale al 1993 una segnalazione che evidenziava 11 meteore ogni 75 minuti.

La velocità di ingresso delle meteore nell'atmosfera terrestre è di 67 km al secondo. In altre parole, le meteore sono veloci ed occorre un occhio vigile per catturarne il passaggio. Buona fortuna!

Se riesci a scattare delle belle foto del cielo, partecipa gratuitamente al Pifa, il Premio Italiano di Fotogragfia Astronomica organizzato da NextMe. Leggi il Regolamento

Federica Vitale

Leggi anche:

- Perseidi: cosa sta dietro al fenomeno delle stelle cadenti?

- Perseidi: le stelle cadenti di San Lorenzo in time lapse

- Perseidi: le immagini dal mondo delle stelle cadenti

Cerca