L'Esa aspetta Goce, il satellite in caduta sulla Terra

Dopo circa 3 anni di analisi e ispezioni con il compito di tracciare una mappa ad alta risoluzione del nostro pianeta, Goce (Gravity field and steady-state Ocean Circulation Explorer), il satellite lanciato nel 2009 dall’ESA, sta per rientrare a Terra.

Il satellite, che pesa circa una tonnellata, ha infatti esaurito lo scorso 21 ottobre il suo combustibile e ha iniziato a scendere gradualmente di quota. Entro il 9 novembre dovrebbe entrare nell’atmosfera dove, secondo gli esperti, si disintegrerà quasi del tutto.

Alcuni suoi frammenti potrebbero tuttavia cadere sulla superficie della Terra. Al momento non è possibile prevedere però una possibile zona di impatto, che sarà individuata dagli esperti non prima di 36 ore dal rientro del satellite.

A monitorare il "rimpatrio" di Goce saranno l’Inter-Agency Space Debris Coordination Committee (IADC) e lo Space Debris Office dell’ESA: le sue strumentazioni continueranno a trasmettere i dati sulla sua posizione e velocità fino all’ultimo momento, quando tutto si spegnerà. la seconda volta dal 1987 che un satellite dell'Esa rientra sulla Terra in maniera incontrollata.

Lanciato con successo dal cosmodromo di Plesetsk, nel nord della Russia, il 17 Marzo 2009, Goce ha realizzato una mappa globale del campo gravitazionale terrestre con una risoluzione senza precedenti. Questo prodotto della missione Goce ha già trovato ampie applicazioni nei campi della geodesia, oceanografia, geofisica, glaceologia e climatologia.

Il satellite è diventato anche il primo sismografo in orbita quando ha rilevato le onde sonore provenienti dal terremoto che ha colpito il Giappone l'11 marzo del 2011. "Questa missione innovativa è stata una sfida per tutta la squadra coinvolta.

I risultati sono fantastici", ha detto Volker Liebig direttore dei programmi di osservazione della Terra dell'Esa e capo dello stabilimento Esa-Esrin a Frascati nei pressi di Roma. "Abbiamo ottenuto i dati del campo gravitazionale terrestre mai avuti prima a disposizione dei ricercatori. Solo questo dimostra che Goce è valsa la pena e nuovi risultati scientifici stanno emergendo costantemente".

Capablanca

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- Nasa: satellite di 3 tonnellate si schianterà contro la Terra

- Rosat: un altro satellite si schienterà sulla Terra verso la fine di ottobre

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico