Cometa Ison: nubi nottilucenti e stelle cadenti

cometa2013

Spettacolo in arrivo grazie alla Cometa Ison. Durante il suo avvicinamento al Sole, tra la fine del 2013 e l'inizio del 2014, la cometa più bella del secolo potrebbe lasciare dietro di sé una ricca scia di detriti e polveri, creando una spettacolare pioggia di meteoriti. Stelle cadenti in abbondanza, fuochi d'artifico naturali creati dal suo passaggio.

Ancora lungo il viaggio della cometa, come mostrato da un precedente video. Quando la sonda Swift della Nasa, lo scorso gennaio ha osservato la cometa a distanza 'ravvicinata', quest'ultima si trovava ancora nei pressi dell'orbita di Giove, ma era già molto attiva. Più di 500 tonnellate di polveri sono state gettate via lontano da Ison. Ciò ha portato gli scienziati a pensare che il suo passaggio, da novembre, potrebbe dare luogo ad una insolita pioggia di meteoriti.

Ad ipotizzarlo è stato un esperto di meteore, il ricercatore Paul Wiegert della University of Western Ontario, che tramite computer ha creato un modello della traiettoria delle polveri espulse dalla cometa Ison.

In base ai modelli di Wiegert, il flusso di detriti è popolato da minuscoli granelli di polvere, non più grandi di pochi micron, spinti verso la Terra dalla pressione della radiazione del sole. Essi colpiranno l'atmosfera ad una velocità di 56 km/s. Tuttavia, poiché sono così piccoie, l'atmosfera superiore della Terra li rallenterà fino a fermarli quasi del tutto. “Invece di bruciare in un lampo di luce, essi scivoleranno dolcemente verso la Terra”, spiega l'esperto.

Potrebbero volerci mesi o anche anni prima che le polveri sottili della cometa possano stabilirsi al di fuori dall'alta atmosfera. Dalla loro posizione 'elevata', esse potranno dare luogo al femomeno delle nubi nottilucenti (NLC), nuvole di ghiaccio di colore blu elettrico che 'galleggiano' al di sopra dei poli, a 80 km di altezza.

Le increspature blu elettriche oltre le regioni polari della Terra potrebbero essere l'unico segno visibile di queste polveri sottili, ma Wiegert fa notare un'altra curiosità: la pioggia di meteore potrebbe arrivare da due direzioni contemporaneamente.

Quando la Terra attraverserà il fascio di detriti, incontreremo due popolazioni di polveri provenienti dalla cometa. Uno sciame seguirà Ison nella sua corsa verso il sole. Un altro sciame si muoverà nella direzione opposta, spinto lontano dal sole dalla pressione della radiazione solare.

Un evento senza precedenti. In ogni caso, il picco dovrebbe essere attorno al 12 gennaio 2014, quando la Terra passerà attraverso il flusso di detriti a grana fine di Ison.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Cometa Ison: le 5 cose da sapere prima di novembre 2013

- Cometa Ison: cosa accadrà a novembre?

- Ciak si gira: il video della Cometa Ison

- 2013: la cometa Ison torna dal passato

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico