Curiosity e Mars Express: la Nasa e l'Esa collaborano su Marte

mars express esa

Curiosity e la sonda Mars Express dell'Esa per la prima volta collaborano. Quest'ultima ha trasmesso i dati scientifici del rover della Nasa, all'opera sul pianeta rosso, a terra. I dati sono stati ricevuti dalle antenne dell'Esa in Australia. Un piccolo ma significativo passo nella cooperazione tra le agenzie spaziali interplanetari, come lo hanno definito dall'Esa.

Quasi due mesi fa, esattamente il 6 ottobre, Mars Express, la sonda che orbita attorno a Marte, ha allineato la sua antenna di comunicazione con quella di Curiosity, che si trova a grande distanza rispetto ad essa. Infatti, mentre la sonda esamina il pianeta dallo spazio, il rover lo fa dalla superficie. Il 6 ottobre, per 15 minuti, il rover della Nasa ha trasmesso i dati scientifici raccolti finora al satellite dell'Esa. Poche ore dopo, Mars Express si è ruotato puntando la sua antenna verso la Terra e ha cominciato ad inviare le preziose informazioni raccolte all'European Space Operations Centre di Darmstadt, in Germania, attraverso l'antenna da 35 metri di diametro di New Norcia, in Australia.

I dati sono stati immediatamente messi a disposizione del Jet Propulsion Laboratory della Nasa per l'elaborazione e l'analisi. Ieri, inoltre, la Nasa ha 'celebrato' l'anniversario della partenza di Curiosity per Marte.

Questa combinazione di imaging e di analisi ha dimostrato il potenziale per le future missioni,” ha detto Sylvestre Maurice, responsabile dello strumento ChemCam a bordo di Curiosity. Diverse sono state le immagini trasmesse alla Terra. Una di esse mostra la roccia Rocknest3, vista dalla telecamera RMI. Rocknest è la zona dove Curiosity si è fermato per un mese per svolgere le sue prime analisi di laboratorio sul suolo scavando nelle dune di sabbia di Marte. Qui lo strumento ChemCam ha effettuato più di 30 osservazioni.

Lavoro intenso quello delle agenzie spaziali impegnate su Marte. A breve si attende l'annuncio della Nasa, che ha fatto una scoperta storica grazie a Curiosity. Gli scienziati non si sono sbilanciati molto su quanto emerso dalle analisi di Curiosity ma potrebbe trattarsi di qualche traccia che possa confermare la compatibilità con eventuali forme di vita.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

- Marte: scoperto da Mars Express un antico lago

- Curiosity, Marte: la Nasa vicina a svelare una scoperta storica

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico