Il Sole in tempesta: lo fotografa la Nasa

tornado sul Sole

I tornado solari sono noti da tempo, ma quello fotografato il 25 Settembre 2011 e analizzato di recente da un gruppo di ricercatori della Aberystwyth University (Galles, Uk) è uno dei più grandi mai visti e probabilmente il primo ad essere stato filmato in alta risoluzione a varie lunghezze d’onda. Le immagini sono state ottenute con il Solar Dynamics Observatory (Sdo), il telescopio spaziale della Nasa che tiene sotto controllo la nostra stella.

È una struttura gigantesca e la velocità a cui viene eruttato il materiale è tra le decine e le centinaia di migliaia di chilometri l’ora. È un evento spettacolare, che alimenta l’immaginazione e permette di studiare le dinamiche del magnetismo nell’atmosfera solare”. Con queste entusiastiche parole Xing Li, coautore dello studio, annuncia l’osservazione dello spettacolo, che non sembra avere molti precedenti nella storia: questi tornado infatti hanno dimensioni tali da contenere oltre cento volte la Terra (intorno ai 200 mila chilometri di ampiezza).

Un tornado solare -ha spiegato Li- si forma quando una massa enorme di plasma, gas ad altissima temperatura e con forte carica elettrica, viene sparato fuori da una delle estremità. Il plasma percorre la forma elicoidale del campo magnetico, creando una rotazione coerente del materiale”.

In poche parole poiché il plasma è fortemente carico e si trova immerso nel campo magnetico generato dal Sole, esso segue il percorso del campo magnetico, che è a spirale. La corrente elettrica del plasma “si arrampica” dunque su tale percorso, generando degli spettacolari vortici luminosi.

Studiare approfonditamente questi tornado solari, secondo Li, aiuterà gli scienziati a capire meglio la meteorologia spaziale e a individuare le cause delle tempeste nell’Universo. Le immagini del fenomeno sono state presentate durante l’annuale incontro degli astronomi organizzato dalla Royal Astronomical Society a Manchester (Uk).

Roberta De Carolis

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico