Spazio: ad agosto un'altra scimmia volerà in orbita

scimmia_spazio

Scimmie nello spazio. Non è il titolo di un film di fantascienza. Hamid Fazeli, responsabile dell'organizzazione spaziale iraniana, all'indomani dell'invio del satellite Rassad -1, ha anticipato che durante l'estate una scimmietta sarà inviata in orbita, con una capsula di 285 chili.

In occasione del lancio di Rassad, che si trova ormai a 260 km dalla Terra, le autorità iraniane hanno dunque anticipato che intendono affrontare l'impresa di inviare l'uomo nello spazio entro il 2020. Cominciano così ad inviare gli animali. Già nel febbraio del 2010 furono lanciati nello spazio un ratto, una tartaruga e alcuni vermi.

E adesso, durante il mese di Mordad che va dal 23 luglio al 22 agosto, la scimmia volerà in orbita e raggiungerà un'altezza di 120 chilometri. Non si tratta del primo caso in cui un simile animale mette piede nello spazio. Negli anni ’40, gli Usa iniziarono a mandare in orbita alcuni primati a bordo dei razzi V-2. Nel 1959 toccò a Miss Baker, la scimmietta che tornò a casa sana e salva, segnando il record di permanenza nello spazio da parte di una scimmia. Nel 1961, toccò alla scimmietta Ham che divenne il primo ominide nello spazio, a bordo del razzo Mercury Redstone.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico