Dove si trova il 'sesto senso' nel nostro cervello

cervello sestosenso

La nostra innata capacità di percepire quantità numeriche è stata associata ad una regione del nostro cervello. I ricercatori si riferiscono ad essa come ad una sorta di “sesto senso”.

Un team di scienziati dell'Università di Utrecht, nei Paesi Bassi, ha scoperto una piccola massa di neuroni, appena sopra l'orecchio, che ci permette ad una rapida occhiata di determinare quanti oggetti abbiamo davanti a noi. Per molte persone, questo senso è limitato a circa cinque oggetti, ma per qualche altra particolarmente dotata è facile intuire quantità apparentemente illimitate.

"Quando vediamo un piccolo numero di elementi visivi, non abbiamo bisogno di contarli", spiega Ben Harvey, ricercatore principale dello studio pubblicato sulla rivista Science. "Sappiamo quanti sono immediatamente. Un soggetto che abbiamo analizzato ci ha dimostrato che il suo cervello risponde a tale percorso attraverso il numero otto".

La regione del cervello scoperta dagli scienziati, secondo quanto afferma Harvey, si “illumina” quando vediamo una determinata quantità di oggetti e, a quanto pare, non siamo i soli primati con questa capacità così unica. In studi precedenti sull'argomento, è stato trovato che i neuroni nel cervello delle scimmie vengono attivati anche quando un certo numero di oggetti appaiono di fronte a loro. Ciò ha spinto Harvey ed il suo team a cercare risposte neurologiche simili anche nell'uomo.

Attraverso una serie di esperimenti, Harvey e i colleghi hanno usato la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per misurare e mappare il cervello dei partecipanti, mostrando loro una serie di cerchi su uno schermo. A partire da un cerchio, si giungeva fino a otto. Un gruppo di circa 80mila neuroni, che messi insieme raggiungono le dimensioni di un francobollo, si sono illuminati nei cervelli di tutti gli otto partecipanti durante lo studio. I ricercatori hanno scoperto in questo modo che "i neuroni che intuivano i numeri più piccoli, si trovavano su un lato del cervello, mentre quelli che hanno risposto a numeri più grandi erano dall'altra parte".

"Ci sono mappe nel cervello che rappresentano la superficie della pelle, o la superficie della retina", ha detto Harvey. "Questi riflettono un organo esterno. Abbiamo trovato la prima mappa di una funzione cognitiva. Per vedere, occorrono più neuroni che elaborino il centro della visione del campo, dove si ha una visione molto nitida”.

I ricercatori hanno scoperto che più neuroni nel cervello sono dedicati alla rilevazione delle quantità più piccole rispetto a quelle di grandi dimensioni. Il che potrebbe spiegare perché, se un certo numero di stuzzicadenti cade a terra, la maggior parte delle persone sarebbe in grado di percepirne solo cinque, ma non per esempio 216. "L'idea [del rilevamento della quantità degli stuzzicadenti] è ben noto grazie al film 'Rain Man'. Ma esistono poche persone così”, ha concluso Harvey. “Saremmo molto felici di incontrare uno di quei sapienti”.

Federica Vitale

Image Credits: Ben Harvey, University of Utrecht

Leggi anche:

- Scoperto il sesto senso: è il grasso

- Creato in provetta il primo mini-cervello artificiale

Cerca