Allergia: un nuovo rimedio arriva dalle bevande probiotiche

allergia_probiotici

Alcune bevande probiotiche - come lo Yakult ed il Vivit giusto per citarne un paio - possono alleviare i sintomi delle allergie ai pollini, secondo gli studi della dottoressa Yvonne Vissers, dell’Università olandese Wageningen UR.

Queste bevande - si legge sul sito MedicalXpress.com - fanno diminuire la quantità di alcune delle proteine che causano l’allergia e stimolano anche la produzione di sostanze che la inibiscono.

I migliori risultati sono stati ottenuti con i batteri dell’acido lattico Lactobacillus plantarum. Come sappiamo, se siamo allergici ai pollini, il nostro corpo produce una proteina immunitaria nota come IgE, che attacca il polline e rilascia l'istamina, che è la responsabile dei classici sintomi allergici come il naso che cola, gli starnuti, gli occhi rossi e la lacrimazione.

In collaborazione con NIZO e Friesland Campina, Vissers ha studiato l'effetto di cinque batteri dell’acido lattico sul sistema immunitario di 62 pazienti con allergia ai pollini della betulla. Ai cinque gruppi, ognuno composto da una decina di soggetti tester, è stata data una bevanda probiotica ogni giorno per quattro settimane, mentre un gruppo di controllo ha ricevuto una versione placebo della bevanda, senza batteri.

I ricercatori hanno prelevato campioni di sangue prima e dopo il trattamento e misurato i parametri immunitari come l’IgE e le altre proteine del sistema immunitario. Creando questo profilo immunologico del sangue prima e dopo l'assunzione di probiotici o placebo, hanno potuto stabilire l'effetto dei batteri sul sistema immunitario.

Dopo quattro settimane, è risultato evidente che tutti i ceppi di batteri usati avevano portato ad una significativa riduzione dell’Ige nel polline di betulla. Uno dei ceppi, L. plantarum CBS125632, aveva inoltre scatenato una riduzione delle interleuchine 5 e 13, delle sostanze segnale che stimolano una reazione allergica.Infine, si è registrato un aumento delle sostanze che riducono le reazioni allergiche.

Questi ceppi di batteri - ha detto Vissers - ci fanno ben sperare riguardo al raggiungimento del nostro obiettivo di ridurre le allergie al polline di betulla”.

Antonino Neri

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico