Cos'era l'UFO del Mar Baltico?

ufo baltico

Gli esploratori marini che lo scorso anno hanno scoperto un enorme oggetto non identificato sul fondo del Mar Baltico hanno avuto moltissimo tempo per capire di cosa si tratta. Secondo i subacquei svedesi dell’Ocean Team X l'oggetto starebbe emettendo delle interferenze elettriche che ostacolano le loro indagini. “Tutti gli apparecchi elettrici lì fuori, incluso il telefono satellitare, hanno smesso di funzionare quando ci trovavamo sopra all'oggetto”, ha spiegato il subacqueo Stefan Hoberborn in un comunicato stampa della Ocean X.

Poi ci siamo spostati di circa 200 metri di distanza e si sono riaccesi, e quando siamo tornati sopra l'oggetto hanno ricominciato a non funzionare”. Il risultato è che attualmente c’è una sola immagine sonar che ritrae l’oggetto, di 60 metri di larghezza, che per gli ufologi è un disco volante precipitato in mare. Secondo gli esperti di tomografia e geologia, l'immagine “scarseggia nella risoluzione, nel dettaglio e nella quantificazione”, è piena di “numerosi artefatti di elaborazione” ed assomiglia ad una navicella spaziale solo perché il team Ocean X ha disegnato attorno all’oggetto una sagoma a forma di Millennium Falcon.

Secondo gli esperti, invece, quella raffigurata nell'immagine probabilmente è una formazione rocciosa di forma circolare chiamata “cuscino di basalto”. Una roccia rara, ma che appartiene al nostro mondo. La presunta incapacità della squadra Ocean X di fornire dettagli sullo pseudo UFO sembra voler solo aggiungere fascino all'oggetto, a giudicare dalla grandissima copertura mediatica. Ma sarà veramente una bufala? Per Jonathan Hill, ricercatore per il Mars Space Flight all'Arizona State University che analizza le immagini della superficie dei pianeti scattate durante missioni della NASA su Marte, il capo di Ocean X, Peter Lindberg, o ha lasciato correre la sua fantasia o lo ha fatto per un secondo scopo.

Ogni volta che la gente fa affermazioni straordinarie – ha spiegato Hill - è sempre bene riflettere se esse possono beneficiare dalle loro dichiarazioni o se si tratta di osservazioni veramente oggettive. In questo caso la squadra ha chiaramente molto da guadagnare da un'affermazione straordinaria: il signor Lindberg sta già pensando a dei piani per portare i turisti più facoltosi nel suo sottomarino per vedere l'oggetto. Se con un martello da roccia avesse rotto un piccolo pezzo dell’oggetto, un geologo avrebbe potuto stabilire in pochi minuti se si tratta di un cuscino basalto; ma se si rivelasse essere un cuscino di basalto e non un ‘misterioso tipo di ufo’, il signor Lindberg non potrebbe fare molti affari”.

Antonino Neri

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico