Turisti, Difesa UK: in futuro saranno...alieni

Stampa

ufo turismo

Perché gli Ufo dovrebbero visitare la Terra? Le motivazioni, secondo il Ministero della Difesa britannico, sarebbero tre: ricognizione militare, scopi scientifici e, aprite bene le orecchie, turismo. No, non è il frutto di un colpo di calore ma il risultato di un attento studio del lontano 1995 e pubblicato oggi dalla National Archives.

Il documento fu elaborato in occasione di un breafing della Difesa britannica. Uno dei funzionari ha poi chiarito alcuni punti spiegando che la finalità delle segnalazioni degli avvistamenti delle presunte astronavi aliene era diventata una "questione di priorità", spiegando che la presenza di eventuali forme di vita non terrestri non per forza doveva essere associata ad intenti ostili.

Il funzionario, che ha chiesto di restare anonimo, ha detto che "è essenziale che si inizi con la mente aperta", spiegando che "quello che oggi è un fatto scientifico può non essere vero domani". Ciò non significa, dice, che ogni notte ci ritroveremo a parlare con strani omini verdi.

Ma c'è un punto oscuro, un dubbio non ancora chiarito dall'uomo: gli alieni esistono?

"Se esistono, non sappiamo che cosa sono, i loro scopi o se rappresentano una minaccia per il Regno Unito" aveva detto l'esperto britannico. "Se gli avvistamenti riguardano dispositivi non terrestri, occorre stabilire i loro scopi come una questione prioritaria. Se non c'è alcun apparente intento ostile le altre possibilità sono: ricognizione militare, scientifica o turismo".

Numerosi sono gli avvistamenti segnalati da ogni parte del mondo. Alcuni vengono poi spiegati, scoprendo che in realtà si trattava di esercitazioni militari, aerei, meteore e lanterne cinesi. Ma alcuni casi sono rimasti irrisolti. Come quello di Roswell, il corpo di un essere trovato negli anni '50 in America sul quale ne sono state dette tante, senza arrivare ad una spiegazione plausibile.

Nel documento britannico, come spiega il funzionario, si è tenuto conto degli avvistamenti più verosimili sulla base dei quali è stato possibile ipotizzare che i veicoli extraterrestri potrebbero avere "una gamma molto ampia di velocità" e "sono furtivi". Come da copione, i racconti dei testimoni oculari spesso parlano di sfere luminose che appaiono e scompaiono molto velocemente. Scoprire le tecnologie che stanno dietro alle navicelle potrebbe tornare utile anche all'uomo, spiega il funzionario.

Il dossier ha però analizzato anche i possibili motivi che stanno dietro agli avvistamenti UFO. Tra essi: allucinazioni di massa, aerei degli Stati Uniti, "eventi atmosferici" e falsi allarmi, ma nessuno può fornire una spiegazione pienamente convincente. Egli ha anche notato che il numero di segnalazioni di "strani oggetti nel cielo è aumentato drasticamente dopo la seconda guerra mondiale, con la maggior parte degli avvistamenti provenienti da "contadini, poliziotti, medici e amanti".

"La maggior parte della gente pensa che gli UFO siano un fenomeno recente, ma non è così" ha detto. "Ci sono rapporti ragionevolmente affidabili di strani oggetti nei cieli risalenti a centinaia di anni fa".

Anche Margherita Hack, da noi intervistata lo scorso anno, non ha escluso che da qualche parte nell'universo possa esserci una qualche forma di vita: "Se ci sono delle condizioni favorevoli, è molto probabile che quello che è successo sulla Terra succederà o è successo anche lì. Non c’è ragione di pensare che noi siamo speciali".

Aspettiamoci allora qualche visitina, prima o poi.

Francesca Mancuso