Gli 8 misteri dell'astronomia

8misteri astronomia

Sono otto i misteri dell'astronomia che la rivista Science ha stilato nel suo ultimo numero. Lista dedicata ai dilemmi che per gli astronomi rimangono ancora insoluti. E le risposte si faranno attendere, si presume, ancora per alcuni anni. Sebbene ci sia tutta una serie di lavori relativi alla scoperta di tali risposte.

Ecco quindi spiegati, punto per punto, ciascuno degli otto enigmi che più incuriosiscono il mondo astronomico.

1-L'energia oscura e il suo significatoPotrebbero essere la missione EUCLID dell'Esa o il Large Telescope Synoptic Survey Telescope a risolvere l'annosa questione sull'origine e l'effettivo significato dell'energia oscura. Sono 14 anni, infatti, che ci si interroga sulla provenienza delle esplosioni stellari dietro le quali si fece strada la consapevolezza che l'Universo era in corso di accelerazione. L'energia oscura nacque come forza misteriosa che spingeva il cosmo ad una costante accelerazione. Anche Einsten si interrogò su tale proprietà, ammessa in seguito dalla teoria della relatività. Tuttavia sono anche in molti a sostenere che l'energia oscura, effettivamente, non esista ma sia al contrario una sorta di energia opposta che influenzi di fatto la formazione delle galassie.

2- Il calore della materia oscuraSe vi siete chiesti quanto sia calda o fredda la materia oscura, sappiate che questo è un altro dei misteri insoluti della scienza. E se dell'energia oscura si sostiene sia una forza espansiva, della materia oscura si ipotizza possa essere effettivamente il legame che tiene insieme le galassie. Sono molti gli esperimenti tuttora in atto per studiarla approfonditamente. Basti pensare a quello in corso nei Laboratori del Gran Sasso ad opera dell'Infn.Ma finora, indagando il movimento delle stelle, si cerca di giungere ad altre risposte, quali quelle, appunto, che coinvolgono la struttura e la temperatura di tale materia.

3- Dove sono i barioni mancanti?Potrebbe chiamarsi WHIM (Warm Hot Intergalactic Medium) il plasma presente nelle galassie dove andrebbero a finire i barioni formatisi durante il Big Bang. Ma andiamo con ordine. I barioni sono protoni e neutroni, ossia particelle che compongono i nuclei degli atomi. Gli scienziati finora sono stati in grado di studiare la radiazione cosmica di un 4-5 per cento della materia visibile. Resta da capire dove siano finiti quei barioni parte della materia visibile di cui, nonostante tutto, poco ancora si conosce.

4- L'eplosione delle stelleLe stelle, come noto, ad un certo punto della loro vita, esplodono. Sono le supernovae quelle palle di fuoco di cui, da decenni, si cerca di capire l'origine. Quel che resta oggi ignoto è cosa e come avviene quel processo di spegnimento di una delle due stelle facenti parte dei sistemi binari. La nana bianca è la stella spenta che risucchia massa dalla stella vicina fino a farla esplodere. Forse, potrebbero essere i gamma ray burst l'aiuto nell'ottenimento di una valida risposta.

5- La reionizzazione dell'UniversoAnche l'Universo ha vissuto la sua "età buia", durante la quale avvenne la sua reionizzazione. Questa riguarda, in pratica, il plasma che tuttora forma la materia. Cosa la provocò è oggi all'attenzione di uno studio seguito grazie allo Square Kilometer Array, un osservatorio in grado di studiare i segnali provenienti da quell'epoca lontana, qualcosa come centinaia di milioni di anni fa.

6- Da dove provengono i raggi cosmici a più alta energia?La Terra viene raggiunta da raggi cosmici ad alta energia, ossia oltre il milione di miliardi di elettronVolt. Tale livello di energia così alto rimane ancora un mistero per i cosmologi che si interrogano, inoltre, sulle possibili conseguenze che potrebbero ricadere sul nostro pianeta Terra.

7- La bizzarria del Sistema SolareChe cosa distingue i diversi sistemi solari? Forse la distanza del Sole. Probabilmente il fatto che alcuni si siano formati in un determinato punto e che, successivamente, si sia trasferita a sua volta in un sistema solare diverso. Le risposte potrebbero essere fornite dalle missioni Dawn, Rosetta e Juice. Partendo dallo studio sull'evoluzione del nostro sistema, si potrebbe giungere a comprendere perché alcuni sistemi possiedano un'atmosfera ed altri ancora si somiglino.

8- Il calore della corona solareIl motivo per cui la corona solare sia ancora così calda è un mistero. La temperatura della superficie, infatti, è di circa 5 mila gradi. Cosa provocherebbe questo surriscaldamento? Forse, il campo magnetico addetto al trasporto del calore stesso. Ma le possibili teorie sono tuttavia numerose. Allo studio, sia la Nasa con la missione IRIS (Interface Region Imaging Spectrograph) e l'europea Esa con il Solar Orbiter, il cui lancio è previsto per il 2017.

Federica Vitale

Cerca