Nasa: il mistero dei materiali spaziali smarriti

logo_nasa

Più di 500 astromateriali della NASA smarriti. Da una verifica interna appena pubblicata infatti, è emerso che tra furti, perdite e mancati resi, dal 1970 al giugno del 2010 risultano assenti 517 campioni. Fra questi ci sono 18 frammenti di suolo lunare smarriti da uno scienziato lo scorso anno e 218 fra meteoriti e rocce lunari rubate nel 2002 da un ricercatore Nasa e poi recuperate grazie anche ad un agente FBI sotto copertura.

Inevitabile quindi che il rapporto dell’agenzia spaziale americana si concluda con una sorta di ramanzina all’Astromaterials Acquisition and Curation Office, l’ufficio responsabile della roccioteca Nasa: “Il controllo esercitato dalla Nasa sui prestiti a scopo di ricerca di astromateriali è inadeguato”, si legge nella relazione, in cui si parla di procedure di registrazione non sempre accurate e di una tolleranza a volte eccessiva nei confronti dei ricercatori più distratti (uno dei quali “aveva ancora campioni lunari presi a prestito 35 anni fa: campioni sui quali non aveva mai condotto alcuna ricerca”).

Se da una parte c’è questo considerevole numero di oggetti smarriti, ci sono però da evidenziare anche alcuni aspetti. Innanzitutto la trasparenza dimostrata nel pubblicare una relazione del genere; in secondo luogo, il rapporto propone una serie di interventi concreti, da realizzare entro il 2012, per risolvere il problema.

Astromateriali_smarriti

Infine, è bene ricordare che la roccioteca NASA gestisce circa 140mila campioni lunari, 18mila campioni di meteoriti e altri circa 5.000 frammenti tra comete, vento solare e polvere cosmica e che, al marzo 2011, oltre 26mila di questi astromateriali erano in prestito a scopo scientifico, didattico o divulgativo.

Probabilmente alla Nasa avranno pensato: meglio rischiare di smarrirne un po’, piuttosto che tenerli totalmente inutilizzati.

Antonino Neri

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico