Ue, dal 2015 arriva eCall, l'Sos automatico sulle auto

eCall

Si chiama eCall ed è il nuovo sistema di chiamata di emergenza automatizzata in caso di incidenti stradali. Dal 2015, potrebbe essere obbligatorio per tutte le auto. Ieri la Commissione europea ha adottato due proposte volte a rendere automatiche le chiamare ai servizi di emergenza.

Secondo quanto ipotizzato dalle autorità europee, eCall comporrà automaticamente il 112, il numero unico d’emergenza europeo. Tale sistema comunica la posizione del veicolo ai servizi di emergenza, anche nel caso in cui il conducente sia incosciente o si trovi nell'impossibilità di chiamare aiuto. I sistemi intelligenti al servizio della sicurezza in auto.

La proposta garantirà che, dall’ottobre 2015, tutti i nuovi modelli di autovetture ed i veicoli utilitari leggeri sarannno dotati del sistema eCall 112 e che venga realizzata l’infrastruttura necessaria a ricevere e gestire in modo adeguato le eCall in centri per le chiamate di pronto intervento in tutto il territorio europeo.

I dati ricevuti tramite eCall infatti consentiranno ai servizi di emergenza di prestare una più rapida assistenza ai conducenti ed ai passeggeri incidentati. Secondo le stime fornite dalla Commissione europea, eCall potrebbe accelerare i tempi di risposta dei soccorsi del 40% nelle zone urbane e del 50% nelle zone rurali, contribuendo a salvare fino a 2.500 vite all’anno.

Oltre ai vantaggi in materia di sicurezza, eCall avrà anche un effetto significativo sulla riduzione degli ingorghi causati da incidenti e sulla riduzione degli incidenti secondari provocati dalla mancata messa in sicurezza del luogo dell'incidente. Inoltre, è possibile che le apparecchiature di bordo introdotte da eCall potranno essere utilizzate anche per altri servizi come la localizzazione di vetture rubate.

Siim Kallas, vicepresidente della Commissione e responsabile per i trasporti, ha spiegato: "Le proposte odierne costituiscono una tappa fondamentale per aumentare la sicurezza stradale nell'Unione europea. L’anno scorso sulle strade dell'Unione europea si sono registrati 28.000 morti e 1,5 milioni di feriti. In caso di incidente ogni minuto è prezioso per soccorrere i feriti. La tecnologia eCall presenta grandi potenzialità in termini di salvataggio di vite umane grazie alla possibilità di ridurre notevolmente i tempi di intervento dei servizi di pronto soccorso, e questo in tutta l’Unione."

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- Auto del futuro: gli automobilisti la vogliono connessa e sicura

- Le 5 caratteristiche delle auto del futuro

Pin It

Cerca