Road Train: l'invenzione che renderà le nostre strade più sicure

autostrada

Pensate ad un sistema in grado di agganciare via radar la vostra automobile al veicolo che la precede, e così via, fino a formare una lunga fila di auto che vanno da sole, affidandosi ad una sorta di pilota automatico. Pensateci perché a breve, molto probabilmente, diventerà realtà.

L'invenzione, firmata Peter Janevik safety manager della Volvo, e battezzata 'Road train' (treno su strada) - nome in codice 'Progetto Sartre' (acronimo di Safe Road Trains for the Environment, convogli stradali sicuri per l'ambiente) - potrebbe essere un passo importante verso il futuro della sicurezza stradale.

Già effettuati i primi test a Goteborg, in Svezia, con "risultati eccellenti". Alla testa del convoglio, secondo quanto spiegato dallo stesso Janevik, sarebbe necessario però "un veicolo capofila manovrato da un autista professionista". E dietro, ovviamente, le altre automobili, "in grado di misurare la distanza, la velocità e la direzione (il volante si muove da solo) in modo da adeguarsi alla vettura davanti".

Nel mentre, dunque, il conducente può anche bere un caffè o distendere le gambe, "senza utilizzare né le mani né i piedi per condurre la sua automobile".

L'obiettivo della futuristica innovazione, precisa Tom Robinson, coordinatore del progetto Sartre, "è quello di migliorare la sicurezza, grazie alla riduzione al minimo del fattore umano che è la causa di almeno l'80% degli incidenti stradali". Inoltre, aggiunge l'ingegnere, "questo sistema consente di risparmiare carburante e quindi di ridurre le emissioni di CO2 fino al 20%".

"Si tratta di una vera rivoluzione per il conducente, visto che gli consente di utilizzare il tempo trascorso in auto per fare altre cose invece che guidare. E, infine, poiché i veicoli viaggeranno a velocità da autostrada mantenendo una distanza solo di qualche metro, il sistema dei convogli stradali potrà anche contribuire ad alleggerire la congestione del traffico".

Augusto Rubei

Pin It

Cerca