LightSail, la vela spaziale funziona: le prime foto e il video

lightsailcover

Si va a vela nello spazio, e non è un modo di dire. Una nuova era per l'esplorazione spaziale. È questa la speranza di Planetary Resource che ha realizzato la prima navicella che funziona a vela: LightSail. Lanciata il 20 maggio scorso nella bassa orbita terrestre, la navetta ha già inviato le prime foto scattate durante il volo.

Un momento atteso da giorni dal suo team e dagli astrofili di tutto il mondo. Partita da Cape Canaveral, LightSail si è dispiegata come previsto, aprendo i suoi 32 metri quadrati di superficie.

Nascosta dentro un CubeSat, la vela ha fatto inizialmente tremare i tecnici a terra, che hanno perso i contatti per due volte. Ma ora tutti hanno tirato un sospiro di sollievo e LightSail ha iniziato a regalare immagini dallo spazio, come quella che segue, scattata da una delle telecamere a bordo della sonda l'8 giugno scorso.

L'immagine era stata scaricata solo parzialmente ed è stata completata successivamente, nel corso dei futuri sorvoli del veicolo spaziale attorno alla stazione presente a terra.

lightsailimmagine

lightsailimmagine2

All'inizio della giornata, i controllori di terra avevano scaricato due foto scattate dalle telecamere di LightSail ma dopo averle assemblate non contenevano dati utilizzabili. I manager della missione hanno così deciso di far scattare una nuova serie di foto alle telecamere a bordo.

La Nasa e Planetary Society condividono i dati sulla missione grazie a un accordo. Per il 2018, l'agenzia spaziale si sta preparando a lanciare due dei propri CubeSats con le vele solari: Lunar Flashlight e NEA Scout.

Ieri inoltre un team del Nasa Marshall Space Flight Center di Huntsville, in Alabama, ha girato questo video in cui le vele di LighSail svettano aperte nel cielo.