Il volo vorticoso del Cargo Progress: rimandato l'aggancio alla ISS

cargorusso1

La navicella cargo Progress M-27M non arriverà a destinazione sulla ISS. Niente rifornimenti per Samantha Cristoforetti e i colleghi astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Partito ieri dal cosmodromo di Baikonur, il veicolo ha iniziato a ruotare intorno al suo asse velocemente e in modo incontrollato. Da qui la decisione da parte dei controllori di volo russi di sospendere le operazioni di aggancio alla ISS.

A bordo del cargo ci sono 3 tonnellate di rifornimenti e di esperimenti per gli astronauti. Doveva essere un volo di routine, con l'aggancio alla Stazione previsto 6 ore dopo il lancio, ma qualcosa è andato storto a causa di una serie di problemi alla telemetria.

Gli ultimi aggiornamenti, riportati dalla Nasa, rivelano che il team russo di controllo ha tentato di comandare il veicolo su quattro orbite senza successo. Tra oggi e domani sarà effettuato un altro tentativo.

Anche la Roscosmos ha confermato che il Mission Control Center di Mosca farà un altro tentativo per stabilire un contatto con la navicella Progress M-27M. Utilizzando una modalità di controllo remoto, cercherà di arrestare la rotazione irregolare della sonda.

Gli esperti stanno effettuando ora alcuni tentativi per il veicolo spaziale. La prima sessione di comunicazione è stata alle 03:50 ora di Mosca con una durata di circa 15-16 minuti. Non è escluso che gli specialisti utilizzeranno la modalità di controllo telecomandato per fermare la rotazione del veicolo spaziale, anche se le probabilità di successo sono poche, perché il senso di rotazione non è chiaro”.