Hayabusa-2: il Giappone si prepara ad atterrare su un asteroide a dicembre

hayabusa asteroide

La Japan Aerospace Exploration Agency, l'agenzia spaziale nipponica, ha presentato ai media la sua nuova sonda Hayabusa-2, progettata per raggiungere gli asteroidi. La sonda ha in programma il suo lancio nel mese di dicembre.

La particolarità della missione giapponese è quella non solo di raggiungere un asteroide che contenga acqua e sostanze organiche, ma prelevarne alcuni campioni di roccia e di sabbia, utilizzati in seguito per studiare le origini del sistema solare e l'evoluzione della vita.

La scorsa domenica, dunque, l'agenzia ha presentato il nuovo explorer presso il suo stabilimento di Sagamihara City, nella prefettura di Kanagawa, a sud di Tokyo. Hayabusa-2 si caratterizza per una forma piuttosto regolare e alta cinque metri. La sonda possiede due antenne per la comunicazione, pannelli solari pieghevoli e motori ionici con più forza propulsiva e durata rispetto all'esploratore originale Hayabusa-1.

Questo dispositivo tubolare raccoglierà campioni dalla superficie dell'asteroide già subito dopo aver effettuato l'atterraggio. Gli scienziati hanno anche modificato la capsula di rientro al quale spetta l'onere di riportare i campioni sulla Terra.

Hayabusa-2 è dotata anche di una sorta di sistema ideato per rimuovere i materiali dalla superficie e creare crateri artificiali per estrarre rocce e sabbia dalle profondità. Una sonda in grado di scavare sotto la superficie, dunque, e di sparare proiettili di metallo sulla superficie dell'asteroide ad una velocità di due chilometri al secondo.

L'agenzia porterà il nuovo explorer presso il Tanegashima Space Center, nel sud-ovest del Giappone, alla fine di settembre e lì inizierà a preparare il lancio schedulato, appunto, nel mese di dicembre.

Federica Vitale

Leggi anche:

- La Nasa si prepara alla caccia all'asteroide

- A passeggio sull'asteroide: la Nasa testa le tute spaziali

Pin It

Cerca