IXV: ecco lo shuttle del futuro di Thales Alenia Space

Shuttle futuro cop

Thales Alenia Space IXV. Lo shuttle del futuro è stato presentato a Torino e potrebbe essere usato per portare rifornimenti nella stazione spaziale e, forse, per trasportare uomini nello spazio. IXV è nato con l'obiettivo di sviluppare un dimostratore di rientro atmosferico europeo autonomo. L'azienda lo sta realizzando per conto dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) con il supporto anche della nostra Asi (Agenzia Spaziale Italiana).

L'azienda è nata da un accordo finanziario tra Thales, che detiene il 67 per cento della quota capitale, e Finmeccanica, a cui appartiene la compagnia aerospaziale Alenia e che contribuisce con il restante 33 per cento. Thales Alenia Space, per questo progetto, è a capo di un consorzio formato dalle principali industrie europee, e che vede la partecipazione attiva anche di centri di ricerca e università.

"IXV è un dimostratore di rientro atmosferico europeo caratterizzato da un’elevata aerodinamicità ottenuta sfruttando la forma della fusolierasi legge sul sito di Finmeccanica - studiata per massimizzare la portanza e la manovrabilità […] I principali obiettivi del progetto IXV sono la dimostrazione della capacità di progettare, costruire ed operare un sistema completo di rientro, la sperimentazione delle nuove tecnologie impiegate e la validazione e il test dei sistemi utilizzati".

Shuttle futuro1

Il nuovo gioiello dell'Esa è una sorta di mini-shuttle automatico in grado di essere recuperato, assieme al carico eventualmente trasportato, e potenzialmente riutilizzato in missioni successive. In futuro si prevede che sia dotato di un corpo alato e che possa essere usato per sperimentazioni scientifiche nella bassa orbita terrestre.

"Le conoscenze acquisite tramite IXV […] costituiranno un tassello essenziale per la messa a punto delle future applicazioni nel campo del trasporto spaziale e dell’esplorazione del Sistema Solare" sostiene Finmeccanica.

Shuttle futuro

Il progetto è iniziato ufficialmente il 21 giugno 2011, quando l'Esa e Thales Alenia Space hanno firmato l'accordo per la produzione del dimostratore. La fase finale di integrazione e test del veicolo è iniziata a maggio 2013 presso gli stabilimenti Thales Alenia Space di Torino, mentre il completamento delle attività è previsto per aprile 2014.

Il velivolo verrà poi trasportato in Olanda, presso l’Estec, per l’esecuzione dei test ambientali dopo i quali, nel luglio 2014, è prevista la consegna di IXV all’Esa. Il lancio è pianificato a ottobre 2014.

Roberta De Carolis

Foto: Finmeccanica

LEGGI anche:

- Space Shuttle: quasi pronti i musei che accoglieranno le navicella Nasa

- Nasa: ecco i successori dello Shuttle

- Le 13 missioni spaziali del 2013

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico