Milionario a 17 anni: merito di un'app di sua invenzione comprata da Yahoo

Summly 1

Non c’è età per diventare milionari: ce lo insegna Nick D’Aloisio, genio 17enne di Wimbledon (Uk) che, grazie ad un’applicazione per smartphone venduta a Yahoo (che l’ha soffiata a Apple), ora è ricco, anzi ricchissimo. Il software sembra essere stato venduto, infatti per una cifra compresa tra 20 e 40 milioni di sterline (ovvero tra 23 e 47 milioni di euro).

L’app, non la prima per originalità ma forse tra le prima ideate da un ragazzo così giovane, si chiama Summly ed è stata messa a punto, in realtà, due anni fa, quando il ragazzo aveva appena 15 anni. Il software “setaccia il web” controllando velocemente tutti gli articoli, ed è in grado di riassumerli immediatamente in un unico pezzo, progettato per adattarsi al piccolo schermo di uno smartphone.

Il genio informatico ha progettato un algoritmo che esegue l'applicazione, dopo aver studiato libri di programmazione e forum, ha scritto il codice durante le vacanze estive e ha mandato centinaia di mail soprattutto ai giornalisti di tecnologia, per convincerli dell’utilità della sua invenzione. Inizialmente Summly è stata rilasciata sotto il nome di ‘Trimit’ e, dopo molte insistenze, ha ottenuto l’attenzione del milionario di Hong Kong Li Ka Shing.

Summly

L’imprenditore ha finanziato il giovane e l’ha aiutato nel marketing vero e proprio, schierando anche una serie di celebrità come testimonial, tra cui Ashton Kucher, Stephen Fry e Yoko Ono. In questo modo Nick è riuscito nell’impresa di vendere l’app a Yahoo, che ha ora imposto che sia tolta dagli iPhone di Apple.

Il Vice presidente dei dispositivi mobili di Yahoo, Adam Cahan, ha dichiarato che l’app sarebbe "arrivata nel cuore dell’esperienza mobile di Yahoo" anche se non ha dato ulteriori dettagli. "Per gli editori, la tecnologia Summly fornisce un nuovo approccio per guidare interesse per le notizie e raggiunge una generazione di utenti mobili che desiderano informazioni in divenire" ha concluso.

Ora Nick è il protagonista di diverse interviste, come quella che riportiamo qui sotto a cura di Bloomberg, ed è quindi diventato famoso. Ma sembra che con tutti questi soldi voglia solo comprarsi una nuova borsa a tracolla e un paio di scarpe da tennis. Ma cosa accadrà nel futuro è ancora tutto da scoprire.

Roberta De Carolis

Leggi anche:

- MWC premia Atooma, l’app italiana che personalizza gli smartphone

- Condom Size: l'app per iPhone e iPad che misura le dimensioni del pene

- Fryderyk Chopin: quel genio tra follia ed epilessia