Facebook: nel 2098 il numero di utenti defunti supererà quello dei vivi

facebooklikesdeath

Entro la fine di questo secolo, Facebook potrebbe diventare un cimitero digitale più che un posto per i vivi. Oggi il social network conta qualcosa come 1,5 miliardi di utenti, ma secondo una previsione riportata da Digital Beyond, col passare degli anni il numero degli utenti defunti supererà quello delle persone vive.

Spesso, quando le persone muoiono, i loro cari trasformano i loro profili in pagine dedicate al loro ricordo, vere e proprie lapidi digitali che amici e parenti possono visitare in ricordo del loro caro. L'attuale politica di Facebook infatti non prevede di eliminare i profili degli utenti deceduti ma di convertirli in pagine commemorative.

Fusion.net ha chiesto a un esperto di statistica di calcolare l'anno in cui ciò potrebbe accadere, tenendo conto della crescita di Facebook, dei dati demografici sui suoi utenti globali e dei tassi di mortalità ricavati dal Centers for Disease Control.

Negli Usa è possibile lasciare in eredità il proprio profilo, nominando una sorta di erede che potrà decidere se e quando cancellare il profilo dal social network dopo la morte.

Secondo Hachem Sadikki, con dottorato di ricerca in statistica all'Università del Massachusetts, gli utenti defunti su Facebook supereranno il numero di utenti in vita prima della fine del secolo, nel 2098.

Una data indicativa, calcolata tramite un modello in cui si presuppone che tutti coloro che moriranno avranno una pagina commemorativa su Facebook, utilizzando però i dati del tasso di mortalità degli Stati Uniti. Sadikki ha anche ipotizzato che tali cifre potrebbero cambiare qualora Facebook continuasse a crescere in maniera esponenziale.

Quasi un milione di utenti di Facebook moriranno solo quest'anno, secondo il Digital Beyond, quasi il doppio rispetto a cinque anni fa. Ciò riflette la grande crescita del social network.

Chi vivrà dopo di noi vedrà in Facebook un vero e proprio cimitero digitale?

Francesca Mancuso

Foto

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

La morte ai tempi dei social network

Erede digitale per Facebook: negli Usa si lascia in eredità il proprio profilo

Morte: i 5 processi che si innescano quando finisce la vita

NextMe.it

ultime

+ lette

NextMe.it è un supplemento di greenMe.it Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 - p.iva 09152791001 - © Copyright 2009-2012