Sorrisi veri o falsi? Un software potrà riconoscerli

sorriso computer

Sorrisi reali o forzati, il pc sarà in grado di riconoscere cosa si cela davvero dietro alle espressioni del viso. Un programma sviluppato al MIT potrà infatti distinguere la differenza tra i sorrisi di gioia e quelli di frustrazione, frutto di una serie di esperimenti condotti presso il Media Lab.

Alcuni volontari sono stati invitati a mostrare espressioni di gioia o di frustrazione, registrate da una webcam. Gli stessi sono stati poi invitati a compilare un modulo online progettato per causare in loro frustrazione o è stato loro mostrato un video destinato a stimolare una risposta entusiasta.

Quando è stato chiesto di simulare la frustrazione, secondo Ehsan Hoque (autore di un articolo appena pubblicato sulla rivista IEEE Transactions on Affective Computing), il 90 per cento dei soggetti non ha sorriso. Ma quando ha provocato in loro vera frustrazione, il 90 per cento lo ha fatto. E sebbene le immagini non mostrassero all'apparenza grosse differenza, la successiva analisi ha mostrato che la progressione dei due tipi di sorrisi era ben diversa.

In tali esperimenti, i ricercatori in genere si basano sulle espressioni legate alle emozioni. Ma secondo Hoque, ciò può fornire risultati fuorvianti. Comprendere le sfumature che rivelano le emozioni sottostanti è uno degli obiettivi principali di questa ricerca, dice.

La ricerca potrebbe aprire la strada per i computer del futuro, in modo da consentir loro di valutare gli stati emotivi dei loro utenti e rispondere di conseguenza. Partendo da tali presupposti, un simile sistema potrebbe aiutare le persone affette da autsmo, valutando con maggiore precisione le loro espressioni.

Francesca Mancuso

Pin It

Cerca