NextMe

SPHERES

Si chiamano SPHERES (Synchronized Position Hold, Engage, Reorient, Experimental Satellites), sono grandi quanto una palla da pallavolo e sono state ideate da un gruppo di studenti del MIT di Boston. Si tratta di piccoli robot, il cui scopo originale era quello di fungere da satelliti intelligenti, controllabili tramite telerobotica.

Leggi tutto: La Nasa testa la telerobotica nello spazio

Nao_NextGen

Erano esattamente due anni fa quando parlammo la prima volta di Nao, e in due anni - si sa - la tecnologia fa passi da gigante. Oggi Nao, robot umanoide programmabile costruito dalla Aldebaran Robotics, azienda francese fondata e guidata da Bruno Maisonnier - si è evoluto in NAO NextGen. Malgrado l’aspetto “giocattoloso”, il nuovo Nao nasconde una tecnologia che lo porta a competere con i robot più avanzati, primo tra tutti l’Asimo di Honda.

Leggi tutto: Nao NextGen: il robot che riconosce volti e parole

Robot_cuochi

Sono in grado di preparare automaticamente salsicce e pancake, ma anche di farcire panini al formaggio e cucinare popcorn. E nel farlo rispondono ad ordini vocali come “preparami un panino”. Insomma, Rosie e James sono due provetti… cuochi robot. Realizzati presso l'Intelligent Autonomous Systems Group della Technical University (TUM) di Monaco di Baviera, i due automi sanno muoversi con una certa disinvoltura in cucina, preparando moltissimi piatti.

Leggi tutto: Robot: hanno imparato anche a cucinare

Quadricottero

La robotica estende poco alla volta le proprie possibilità tecniche, ma anche più in generale il proprio spettro applicativo, proponendosi non solo come una scienza, ma come un framework di riferimento per lo sviluppo delle altre discipline. Così come avvenuto poco alla volta per l’informatica, la robotica si propone cioè di divenire pervasiva, affiancandosi a diverse tecnologie e progetti già esistenti e migliorandone efficienza ed efficacia. Recentemente, tale processo ha conosciuto un nuovo sviluppo, in questo caso nel campo dell’architettura.

Leggi tutto: Robot: in aiuto dell'architettura

Robot_segreti_uomo

Far riprodurre ad un robot qualsiasi gesto dell’uomo, anche il più complesso. È questa, in sintesi, l’ambiziosa missione del progetto europeo Skills, coordinato dal professor Massimo Bergamasco, fondatore del laboratorio PERCRO (Perceptual Robotics Laboratory) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Dopo 5 anni di lavoro e 15 partner internazionali (tra cui Technion-Israel Institute of Technology, CEA-Commisariat a L’Energie Atomique et Alternatif e DLR-German Aereospace Centre) i risultati sono stati illustrati alla conferenza finale a Montpellier, che ha avuto luogo il 15 e il 16 dicembre.

Leggi tutto: Robot: ecco come imparano dall'uomo

Robot_calamaro

Sembra un calamaro o, se volete, una stella marina. È il robot realizzato da alcuni ricercatori della Harvard University di Cambridge, negli Stati Uniti, finanziati dal Pentagono. Il robot-calamaro è stato assemblato utilizzando materiali morbidi ed elastici e con la litografia soffice, e ciò gli permette di compiere movimenti molto complessi, come scivolare sotto un piatto di vetro sollevato da terra di 2 centimetri in meno di un minuto.

Leggi tutto: Automi soft: ad Harvard il primo calamaro-robot

Cyborg_Insetto

Tra le applicazioni di maggiore interesse per un settore scientifico in crescita come la robotica, possiamo senz’altro individuare il supporto a squadre di soccorritori durante lo svolgimento delle loro attività. Facile intuire infatti come l’utilizzo di tecnologie che consentano di avere a disposizione un maggior numero di informazioni accurate in un contesto così critico possa avere un grosso impatto in termini di efficacia e dunque, in ultima analisi, contribuire a salvare vite umane.

Leggi tutto: Insetti cyborg: lì dove l'uomo non può arrivare

carcere

Dopo gli insegnanti robotizzati nelle scuole medie di Daegu (vicino Seul) per insegnare agli allievi l'inglese, alcni scienziati della Corea del Sud stanno lavorando a dei robot da impiegare come guardie carcerarie. Gli automi aiuteranno i secondini a vigilare le celle di notte, monitorando con dei sensori le condizioni dei detenuti e facendo rapporto al personale umano via wireless in caso di anomalie, comportamenti violenti o problemi di salute dei detenuti.

Leggi tutto: Carceri: in Corea del Sud i primi secondini robot

NextMe.it è un supplemento di greenMe.it Testata Giornalistica reg. Trib. Roma, n° 77/2009 del 26/02/2009 - p.iva 09152791001 - © Copyright 2009-2012

Top Desktop version